BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pmi e aziende nel 2010 in Lazio e Lombardia: statistiche e situazione

Difficoltà per le imprese laziali e lombarde: la situazione



L’industria del Lazio è stata colpita dalla crisi ma le micro-imprese hanno resistito bene: gli addetti sono passati dal 23,2% al 30,9% su base regionale, soprattutto nel Commercio (il 37,4%), nelle professioni e nei servizi alla persona.

 A rendere nota la situazione economica e finanziaria delle imprese locali laziali sono stati gli ultimi dati del Rapporto di BIC Lazio e MET (Monitoraggio Economia e Territorio). Emerge, tuttavia, il generale calo degli investimenti d'impresa in ricerca e innovazione, scesa dal 34,7% del 2008 al 25,5% del 2009, mentre il calo della spesa in ricerca e sviluppo è passato dal 7,9% al 6,5%. Male le Pmi, che hanno tagliato i budget IT e per la scarsa capacità di fare rete.

La diffusione delle reti nel Lazio è del 33,4%, a fronte di una media nazionale che si attesta sul 35,6%, e solo il 13,6% delle imprese nella regione ha stretto relazioni per attività di ricerca e accordi commerciali.

Buona, invece, l'apertura del sistema produttivo locale verso l'estero: in questo settore le micro-imprese laziali sono cresciute, passando dal 7,5% all'11,2% e le imprese laziali che hanno stretto rapporti commerciali con partner e clienti esteri sono passate dall'8,7 al 13%.

Non è certo rosea neanche la situazione delle imprese lombarde, fra cui oltre 2800 sono state costrette a chiudere battenti a causa della pesante crisi economica. Entrando più dettaglio, considerando i numeri, nel primo trimestre 2010 sono state oltre 2.800, con un incremento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente pari al 27%, le imprese chiuse.

A chiudere sono state, soprattutto, industrie (+41%) e aziende operanti nel settore dell'auto (+118%). Insieme alla Lombardia, anche altre regioni del Nord hanno subito una flessione significativa, a partire dal Veneto, che registra un incremento dei fallimenti del 62%, per arrivare al Piemonte che raggiunge il 61%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il