BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti online: i migliori nel 2010 per costi e tassi di interesse

Da Ing a WeBank a IwBank: i migliori conti online a confronto



I conti correnti online sono aperti, semplici, e utilizzabili via internet, promettendo costi delle operazione davvero minimi o a vote anche nulli, in quanto la banca risparmierà quel costo.

Una delle più importanti funzioni del conto corrente è quella di consentire al legittimo titolare una gestione agevole della propria liquidità. Molti sono, infatti, i servizi che le banche offrono ai propri clienti per consentir loro di amministrare in maniera adeguata le risorse finanziarie depositate sul conto, per ricevere crediti e per regolare pagamenti.

La possibilità in più che il conto corrente online offre è quella di poter gestire le operazioni a costi nulli o irrisori e direttamente da casa propria. Stando ai nuovi parametri resi noti dalla Banca d’Italia, i maggiori conti online, da mercoledì 26 maggio, riporteranno zero euro o poco più. come valore dell’Isc, il nuovo Indicatore sintetico di costo dei conti correnti e che servirà ai clienti per scegliere il conto.

La formula Bankitalia per calcolare l’Isc varia per sei categorie: giovani, famiglie con operatività bassa, media e alta, pensionati con operatività bassa e media e per ciascuna di esse si considera un certo numero di operazioni annue.

Stando agli ultimi dati riportati, il miglior conto online per questo 2010 è Conto corrente Arancio di Ing che offre un Isc pari a zero per tutte le sei categorie di clienti, non fa pagare il bollo di 34,20 euro (previsto però sulle giacenze sotto i 3 mila euro).

Zero euro come costo annuo per tutte e se le categorie anche per WeBank (gruppo Bpm), che però prevede il pagamento dell’imposta di bollo. A seguire troviamo IwBank (gruppo Ubi), con zero euro per tutte le categorie tranne i giovani, per i quali il prezzo annuo è di 3,75 euro; CheBanca! Con un Isc di 12 euro per giovani, famiglie con media operatività, pensionati con bassa operatività; di 24 euro per famiglie e pensionati con media operatività, e di 24,53 euro per famiglie con alta operatività; e Fineco, che prevede per il suo conto corrente un costo annuo variabile fra i 18,51 euro delle famiglie con operatività media e i 59,49 euro dei giovani.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il