BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stipendi statali e blocco manovra: perdita di 1700 euro per insegnanti, medici e impiegati

Dal mondo della sanità, alla scuola, ai ministeri e alla magistratura: i tagli della manovra anti crisi



La somma di denaro che costerà a medici, insegnanti ed impiegati darà di circa 1.700 euro. A tanto ammonta, infatti, la somma che gli statali perderanno nei prossimi tre anni.

Si tratta di soldi che sarebbero dovuti arrivare nelle buste paga dei dipendenti pubblici entro il 2012 grazie ai rinnovi contrattuali e alle normali progressioni di carriera, ma che con l’approvazione della nuova manovra economica anti crisi si sono decisamente trasformati in utopia.

La nuova manovra ha, infatti, previsto tagli, anche se pochi, freni e congelamenti, decisamente più pesanti. Colpiti il mondo della sanità, della scuola, dei ministeri, della magistratura e degli enti locali. Così alla fine di questa crisi, l'Università avrà 26.500 precari in meno, occupati mandati a casa alla scadenza del tempo determinato e di questi 20 mila sono docenti a contratto, il mondo della scuola avrà meno risorse da impiegare perché i milioni a disposizione dagli attuali 8 diventano 4.

In riferimento a tutti i tagli e ai mancati guadagni attribuiti alle funzione pubblica, Michele Gentile, responsabile del comparto per la Cgil considera che 'l'intero settore mette sul piatto 1.850 milioni di euro: lo scippo della vacanza contrattuale vale da solo 600 milioni di euro. Un conto troppo alto, inaccettabile se si considera che i tanto decantati tagli alla politica si sono fermati a 72 mila euro'.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il