BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Agevolazione prima casa 2010 anche per nuove pertinenze e ampliamenti. Le novità

Le condizioni necessarie per ottenere le agevolazioni sull'acquisto di una prima casa



Agevolazioni per l’acquisto di una prima casa  anche per le nuove pertinenze e gli ampliamenti, anche se riferiti a immobili acquistati ante 1982. Agevolazione sempre prevista anche per chi vende un'abitazione acquistata da meno di cinque anni e decide di comprare entro un anno un'altra abitazione principale, anche se all'estero.

Le agevolazioni sono previste per l’acquisto successivo di un box, da destinare a pertinenza di una casa che non è stata acquistata con l'agevolazione perché, all'epoca dell'acquisto (cioè ante 1982), il beneficio prima casa non era ancora vigente, per l'acquisto di una cantina, da destinare a pertinenza di una abitazione per il cui acquisto l'agevolazione, all'epoca, non venne concessa a causa di un orientamento in tal senso del l'amministrazione finanziaria, e, infine, per l'acquisto di una unità immobiliare destinata a essere accorpata ad abitazione già di proprietà dell'acquirente, ma acquistata senza l'agevolazione prima casa, perché all'epoca dell'acquisto il compratore non aveva i requisiti per effettare un acquisto agevolato.

Per quanto riguarda, invece, gli immobili che si trovano fuori dal territorio italiano, compito del fisco italiano sarà quello di accertarsi che la casa oggetto del nuovo acquisto sia effettivamente destinata ad abitazione principale del contribuente, condizione necessaria per evitare la decadenza dall'agevolazione ottenuta. Inoltre, la legge sottolinea che la casa da sottoporre ad agevolazione non dovrà essere situata in paesi che fanno parte della cosiddetta black list.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il