BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Irap zero per le imprese del Sud Italia

Niente Irap e pratiche burocratiche agevolate per le imprese del Sud. I piani e le Regioni interessate



Pratiche burocratiche più semplici e niente Irap per coloro che decidono aprire imprese nel Sud Italia. La nuova manovra economica punta così a ridurre IRAP e oneri burocratici per rilanciare gli investimenti, a partire dal Mezzogiorno per poi estendere in futuro la misura anche al resto del Paese.

Per il momento saranno otto le Regioni interessate da tale provvedimento. Si tratta di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Grazie al nuovo provvedimento, se prima le amministrazioni regionali avevano il potere di modificare l'aliquota, aumentandola o diminuendola di un solo punto percentuale, ora questo limite scomparirà del tutto, con lo scopo di alleggerire il carico fiscale che grava attualmente sulle start-up e lasciando libere le Regioni di decidere autonomamente se applicare l'azzeramento dell'aliquota, o ricorrere a un sistema di esenzioni, detrazioni e deduzioni indipendentemente dal settore produttivo in cui opera l'impresa.

Un’altra novità del testo della manovra è quello che estende lo sgravio fiscale pertinente l’Irap a qualsiasi settore produttivo in cui si desideri intraprendere nuove attività produttive.

A questo si affiancherà il progetto di burocrazia zero per l'avvio di nuove attività imprenditoriali, che si baserà sulla possibilità per le PMI in fase di start up, di emettere un'autocertificazione del possesso dei requisiti richiesti. Le imprese delle citate regioni si potranno avvalere cioè di una totale autocertificazione per le Pmi, che prevede verifiche successive dei requisiti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il