BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Risparmio energetico aziendale: l'IT cosa può fare

Strategie di lavoro per consumare meno in azienda. Come fare



Ridurre l’uso energetico e risparmiare sulla bolletta: è questo ciò che l’IT aziendale si propone di fare, cercando di contenere in consumi. Uno studio del recente CDW Energy Efficient IT Report afferma che il 52% delle aziende che si impegnano per contenere il consumo di energia ha ridotto i loro costi energetici legati all’IT dell’1%, a volte anche più, sfruttando tutte le possibili misure di risparmio energetico a livello aziendale.

Per questo i professionisti IT ritengono di poter ridurre i costi energetici di una media del 17%, che, tradotti in cifre, sarebbero 900 mila euro in meno di spesa per un’azienda . Non esiste, però, una strategia precisa volta alla riduzione del consumo di energia.

Gli step da compiere sono diversi e interventi come la virtualizzazione, i prodotti certificati Energy Star e le soluzioni di power management sono tutte state studiare a tal fine.

Altro punto fondamentale su cui si focalizza l’attenzione, è la razionalizzazione dell’uso delle risorse da parte dei manager IT responsabili anche della bolletta energetica. Loro, infatti, tendono a prestare il doppio dell’attenzione sull’efficienza energetica dei prodotti e delle soluzioni che intendono acquistare più di quanto lo facciano i professionisti non responsabili direttamente di questa spesa.

Lo studio, infatti, rivela che gli intervistati sono riusciti a ridurre i costi energetici favorendo il risparmio energetico anche nella fase di acquisto e gestione delle apparecchiature informatiche, partendo dall’acquisto di sistemi con processori a core multipli e CPU a basso consumo per arrivare all’utilizzo di strumenti software abbinati a gruppi di continuità (UPS) per monitorare la domanda di potenza e di energia, al monitoraggio remoto dei data center per spegnere le luci quando i dipendenti non sono fisicamente presenti sul sito, e all’implementazione di virtualizzazione server e storage per ridurre il numero fisico di sistemi e dispositivi di archiviazione.

Non serve, dunque, un impegno esageratamente profondo per riuscire a rendere meno dispendiosa la spesa energetica di un’eventuale azienda. Tutto sta nel riuscire a ben organizzare lo sfruttamento delle risorse e a contenere quanto possibile l’uso delle apparecchiature, migliorando l’approccio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il