BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Aziende italiane e mercati emergenti: la ripresa duratura passa da lì.

Guardare ai Paesi emergenti per uscire dalla crisi economica



Che la ripresa economica sia iniziata nei cosiddetti Paesi Emergenti è fatto ben noto ormai molto. Ma che l’uscita, seppur lenta, da questa crisi che ha attanagliato il mondo intero dovesse dipendere proprio da loro è fenomeno che sta sempre più emergendo ora.

Anche le imprese hanno bisogno di scoprire nuovi mercati per contrastare le difficoltà economiche attuali.  Nino Lo Bianco, consulente aziendale alla guida di Bip, Business integration partners, ritiene che “Nei prossimi anni Cina, India, Brasile e, in parte, anche Russia vivranno una crescita straordinaria e le imprese italiane, se vogliono tornare a crescere, dovranno svolgere un ruolo importante su quei mercati”.

Per riuscire però ad insinuarsi in quei mercati, sarà necessario realizzare prodotti innovativi e investimenti che molte piccole imprese non sarebbero in grado di sostenere vista la difficile condizione economica in cui si trovano. Per tornare a competere, le imprese dovranno mettere in gioco i capitali personali, o rivolgersi ai fondi di private equità, risorsa ideale in questa fase per chi cerca liquidità.

Ma la situazione delle imprese italiane, tende a privilegiare la conduzione familiare. Difficilmente le aziende familiari italiane, soprattutto le medio-piccole, si affidano a manager o consulenti, segno chiaro di una difficoltà sentita per un cambio generazionale.

Di solito gli imprenditori si affidano ai figli, solo per questioni di sangue, anche se non ne hanno le di gestione. Se dovesse, dunque, continuare ad essere questo il sistema di gestione d’impresa, meglio allora rivolgersi all’export in quei Paesi dove l’economia mondiale sta compiendo i nuovi primi passi verso l rinascita.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il