BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Lavoro IT: i manager devono saper gestire l'energia e la stanchezza degli staff informatici

Come gestire e razionalizzare la stanchezza dei professionisti IT. Il compito dei manager



I professionisti dell’IT arrivano a lavorare anche 43 ore al giorno. Un tempo record, un lavoro estenuante che, a lungo andare, non porta certo ad una maggiore produttività nel settore. Anzi. Una recente ricerca condotta su un campione di imprese nordamericane ed europee dall’IT Leadership Academy del Florida State College ha mostrato che molte realtà aziendali lamentano oggi una grande crisi dell’energia umana proveniente dall’IT.

Thornton May, curatore dello studio e direttore dell’IT Leadership Academy, ha detto, infatti, che “Molte delle persone dell’IT che incontro sono esauste e le ragioni che spiegano questo atteggiamento sono diverse: dalla crisi economica, al perenne ‘do-more-with-less’, al cambiamento del ruolo del CIO, al combinarsi di competenze tecniche e commerciali nell’ambito di alcune professionalità IT.

A questo si aggiunge che con la crisi è aumentata la precarietà anche in un settore come l’IT, e alzandosi la precarietà è salito il carico di lavoro di chi è rimasto”. Logico, dunque, che chi resta sia stanco. Ma non è questa la strada giusta di lavoro in un settore talmente dinamico, veloce e vivace che per andar bene ha solo bisogno di menti aperte, eccelse e lucide.

E le previsioni non sono certo incoraggianti. May, infatti, ritiene che se le aziende non dovessero intervenire per porre rimedio a questo problema, la situazione potrebbe peggiorare.

Secondo May, “i CIO dovranno riuscire a gestire una richiesta di maggiore energia da parte del loro staff; dovranno misurare persone, processi e tecnologie impiegati nei progetti aziendali, per determinare il loro preciso impatto sul livello di energia totale della funzione IT.

E per riuscirci, basta razionalizzare l’IT dal punto di vista economico e disporre, per esempio, di un buon sistema di contabilità per l’IT e conoscere costi e valore che l’IT genera per il business.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il