BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Prova di esame terza media di giovedì 17 giugno 2010 test Invalsi. Quiz online

Lo spauracchio del Test Invalsi agli esami di terza media. Cosa prevede



Al via oggi gli esami finali per tutti gli alunni impegnati nelle prove finali che concluderanno il ciclo di studi delle scuole medie inferiori. Ma il timore più grande per i ragazzi è la prova di giovedì 17 giugno. Si tratta di un quiz generale che durerà sessanta minuti, sarà a risposta multipla di italiano e altrettanti per quelli di matematica predisposti dall'Invalsi, l'Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione.

Secondo le istruzioni diramate dal ministero, non si potranno utilizzare vocabolario e calcolatrice. Niente cellulari e palmari e ogni altro dispositivo. Il quizzone, battezzato Quiz dell’Invalsi, dunque, sarà piuttosto importante e renderà difficile ottenere il massimo dei voti.

Per quanto riguarda le domande di italiano, saranno considerate per verificare le capacità di comprensione e lettura e di quelle grammaticali, di analisi logica e del periodo. Per matematica, invece, i quesiti puntano sui numeri, la geometria e le espressioni. Il ministero dell'Istruzione sceglie tra quelli messi a punto dall'Invalsi, che poi produce le griglie di correzione e controlla gli esiti.

Ai risultati della prova Invalsi (è la prima volta che concorrono a determinare la votazione finale) saranno date delle valutazioni espresse in decimi che, assieme agli esiti e alle valutazioni degli esami orali e al giudizio di idoneità dato all’ammissione, porteranno a una valutazione dell’alunno, un voto finale dell’esame di licenza media che è costituito dalla media dei voti in decimi.

L’esame per gli studenti italiani e per le loro famiglie è vissuto con un pò di tensione, anche perché è il primo appuntamento di un certo peso per gli studenti italiani ora che non c’è più neanche l’esame alla fine delle scuole elementari.

Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il