BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Office 2010 prezzi e versioni: in vendita da oggi

Office 2010 è da oggi ufficialmente sul mercato. Cosa cambia



Office 2010 è da oggi ufficialmente sul mercato. Il rilascio definitivo è avvenuto il 12 maggio 2010 per le aziende mentre tocca oggi, il 15 giugno, agli utenti privati. Secondo quanto annunciato dal colosso di Redmond, la nuova suite Microsoft è stata sviluppata per sfidare il crescente numero di informazioni con cui gli utenti hanno quotidianamente a che fare, consentendo loro di condividere le idee e le informazioni non solo attraverso il PC ma anche Internet e i dispositivi mobili.

Stephen Elop, Presidente di Microsoft Business Division, ha detto: “Per la prima volta, gli utenti possono acquistare una Product Key Card per attivare Office 2010 pre-caricato sui nuovi PC. Per coloro che, già in possesso di un PC, desiderano scaricare Office 2010 direttamente dal sito office.com, viene, inoltre, offerta la nuova tecnologia Click-to-Run, che consente di installare ed eseguire Office in pochi minuti”.

La nuova versione Office sarà orientata verso il web, dunque. I programmi inclusi (in particolare Microsoft Word) offriranno la possibilità di integrare alcune funzionalità di siti web 2.0 all'interno dei programmi. Inoltre Microsoft realizzerà anche una versione web-based della suite di produttività, che esordirà con il rilascio di Office 2010.

Le migliorie apportate da Microsoft sulla nuova suite riguardano in particolare Power Point, Word 2010 e Outlook 2010 che, grazie al nuovo Social Connector, potrà integrarsi con i social network. Office 2010 sarà disponibile in 10 lingue, che diventeranno 94 nel giro dei prossimi mesi. Tre le versioni disponibili sul mercato: Office Home and Student 2010 che costerà 139 euro, Office Professional 2010 a 699 euro e Office Home and Business 2010 a 379 euro.

Per garantire una sicurezza maggiore ai propri clienti, Microsoft ha deciso di proteggere Office 2010 dalla pirateria informatica applicando, da questa versione in poi, il supporto nativo della tecnologia Software Protection Platform (SPP), già presente in Windows Vista, che protegge il software da eventuali operazioni non autorizzate al sistema di attivazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il