BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mozzarella blu: cosa può essere? Fa male alla salute?

Lo strano caso delle mozarelle blu. Cos'è successo?



Sono state sequestrate 70 mila confezioni di mozzarelle che al momento della loro apertura cambiano colore diventando blu e lasciando, inizialmente, senza parole i consumatori.

Il prodotto, decisamente non buono, è di origine tedesca, tanto che il procuratore della Repubblica di Torino, Raffaele Guariniello, ha chiesto al ministero di intervenire sul suo omologo in Germania perchè chieda all'autorità giudiziaria tedesca di concedere alla magistratura italiana di un sopralluogo nell'azienda dove sono state prodotte le mozzarelle contaminate, la ditta tedesca Milchwerk Jäger.

La storia è iniziata grazie alla denuncia di una signore di Rivoli. La donna aveva comprato la mozzarella qualche giorno prima nel discount Eurospin di Rivoli, attirata, come spesso accade, dalla comodità e dal prezzo basso: meno di mezzo euro per un bocconcino di latte vaccino da 125 grammi marca Land, prodotta dalla tedesca Milchwerk Jäger.

Si tratta di un'azienda molto nota, uno dei caseifici più antichi della Germania recita il loro sito web, che oltre all'Eurospin rifornisce molte altre catene di discount e supermercati in tutta Italia. La donna, dopo aver aperto la confezione di mozzarelle, averne visto alterato il colore ed esser stata male dopo averla solo assaggiata, ha telefonato al supermercato dove aveva effettuato l’acquisto, raccontando l’accaduto, senza ottenere però alcuna scusa o spiegazione.

Ed è stato a quel punto che la signora ha deciso di avvisare il reparto dei Nas dei carabinieri. Il racconto della signora ha trovato conferme anche nelle storie di altri testimoni nel resto d'Italia che hanno riportato episodi analoghi. Una decina sono, infatti, i casi per il momento accertati.

Nel frattempo, si muovono anche le associazioni dei consumatori, con l'Aduc che critica il sistema del controlli, e Federconsumatori che, invece, invoca 'norme, regole, verifiche, controlli e pene più stringenti in questo settore. Quello che chiediamo è che ogni prodotto alimentare abbia in etichetta l'informazione d'origine del prodotto fondamentale”.

Il ministro della salute, Ferruccio Fazio, ha comunicato che è già stato attivato il sistema di allerta rapido comunitario con la segnalazione alla Commissione europea e alle autorità tedesche della contaminazione delle mozzarelle e dopo l’intervento dei Nas non dovrebbero più esserci esemplari nei banchi frigo della piccola e grande distribuzione.

La dottoressa Maria Caramelli, direttore sanitario dell’Istituto zooprofilattico, ha spiegato che a produrre il colore blu delle mozzarelle potrebbe essere stato un batterio che “quando prolifera tende a virare proprio verso il blu. Si potrebbe trattare infatti degli pseudomones, di cui esistono diverse varianti, batteri che si sviluppano e si riproducono a velocità elevate quanto esistono carenze igieniche nell’acqua, ma anche limiti nei sistemi di refrigerazione. Ed è probabile che, in situazioni dove il risparmio economico è alla base di tutto, si faccia attenzione a non spendere troppo in refrigerazione”.

Questa, per il momento, è solo un’ipotesi. Ma quanto incide questo batterio sull’organismo umano? Non si conosce ancora la risposta esattamente, a parte sapere dei sintomi di mal di pancia e mal di stomaco raccontati dalle prime ‘vittime’. Una volta effettuati test tossicologici si sarà in grado di comunicare quali effetti sulla salute questo fenomeno ha.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il