BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fiat a Pomigliano: cosa farà dopo referendum? La Panda resta in Polonia

Quale sarà il futuro dello stabilimento di Pomigliano? I piani di Marchionne



Deluso dai no del referdum di Pomigliano,  che sono andati ben oltre le attese, l’ad Fiat, Sergio Marchionne pensa ad nuovo percorso, che passa sempre per Pomigliano, ma che non sarà più quello di due giorni fa, perché “se non si troverà uno sblocco in extremis, lui la Panda la produrrà in un'altra fabbrica. Su questa partita non riapriremo più le trattative”.

Le previsioni erano diverse e l'ad della Fiat si aspettava che si materializzassero in un sì plebiscitario, o comunque robusto, all'accordo separato le risposte dei lavoratori chiamati al referendum.

Adesso la Fiat deve pensare ad una via d'uscita nuova, “Una soluzione che convenga a tutti, perché altrimenti non perde solo la Fiat”. Ma su alcuni punti non si transigerà: l'accordo sottoscritto non sarà più toccato, non si tratta con la Fiom, si cercano contatti con governo e con le confederazioni sindacali, e l’altra quasi certezza che si ha è che il progetto-Panda sia tramontato sull'orizzonte di Pomigliano.

Per la Panda c'era un piano che prevedeva investimenti e tempi di attuazione, "Potremo produrre anche una vettura diversa”, ma la produzione della Panda resterà a Tichy, in Polonia, dove nel 2002 la Fiat aveva trovato un posto in cui salari e condizioni di lavoro diverse potessero assicurare guadagni che la piccola vettura in Italia non avrebbe potuto garantire.

La possibilità di riportarla a casa era stata fatta da Marchionne per risolvere in qualche modo il problema Pomigliano. Ma è comunque presto per dire quale sarà il destino dello stabilimento campano: mentre c'è chi ipotizza che potrebbe essere destinato a produrre la Linea, vettura attualmente prodotta in Turchia, qualcun altro ritiene che potrebbe diventare centro di altre attività del gruppo.

La novità più importante, comunque, è che nel futuro di Pomigliano potrebbe esserci un modello diverso dalla Panda, modello che possa comportare esigenze produttive meno stringenti della Panda e che potrebbe necessitare di minori investimenti.

Se, infatti, la Panda resta in Polonia, l'eventuale modello da dirottare a Somigliano, oltre la novità Linea,  potrebbe essere la Ypsilon. La piccola Lancia attualmente è prodotta nella fabbrica di Termini Imerese, destinata però a chiudere a fine 2011.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il