BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cellulari Google Android: 160mila modelli venduti al giorno

Il successo di Android di Google. I numeri



Google sfida Apple e prima con Android e poi col nuovo servizio Music, in netta concorrenza con iTunes, sembra voler fare, come si suol dire, le scarpe alla grande società di Cupertino. Ma ci riuscirà?

In attesa di sapere, risultato che non avremo certamente per ora, chi sarà la vincitrice di questa sfida, è bene comunicare un dato interessante: grazie all’avvento del nuovo sistema operativo di BigG, sono circa 60 i nuovi nati dispositivi Android, frutto della collaborazione con 21 produttori e 59 carrier che distribuiscono questa piattaforma in 49 Paesi diversi e ogni giorno sembra se ne vendano ben 160 mila.

Tradotto in termini concreti, ciò significa un incremento del 60% rispetto ai dati di maggio. A questo si aggiungono anche i risultati del Market: 6 5mila applicazioni disponibili, il che significa applicazioni più che raddoppiate dallo scorso mese di marzo. E le previsioni per il futuro sembrano essere davvero ottimistiche.

Entro la fine del mese, infatti, secondo alcune indiscrezioni, sarà pubblicata la versione 2.2 di Android, battezzata Froyo e il primo smartphone che si baserà su questa piattaforma sarà il Motorola Droid X. Dotato di uno schermo da 4.3 pollici, più ampio rispetto ad iPhone 4, di tipo touchscreen capacitivo multitouch in formato 16:9 e con risoluzione WVGA (854 x 480 pixel), decisamente inferiore rispetto a quella dello schermo Retina dell’iPhone, il nuovo Droid sarà un cellulare dedicato alla multimedialità.

Integra una fotocamera da 8 milioni di pixel, con doppio flash a LED, e che permette di registrare video in alta definizione a 720p, garantendo la riproduzione sia sullo schermo interno sia su un display esterno, grazie all'integrazione di una mini-HDMI.

Per quanto riguarda, invece, le connettività, avrà un modulo WiFi 802.11n e Bluetooth 2.1 e non mancheranno radio FM, un modulo GPS, una bussola elettronica ed un accelerometro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il