BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tariffa bioraria bollette della luce: come fare a risparmiare e cosa cambia

Via dal primo luglio 2010 la nuova tariffa bioraria. Come scegliere quella più adatta



Partirà dal primo luglio 2010 la nuova tariffa bioraria che consentirà ai cittadini italiani di pagare meno per la luce. Il nuovo sistema di calcolo prezzi sarà piuttosto semplice: basterà considerare se il consumo dei kilowattora avviene di giorno o di sera e nei festivi.

Con la nuova bioraria sarà possibile ridurre la propria bolletta, anche se di pochi euro all'anno ma sarà necessario concentrare almeno il 67% dei propri consumi negli orari a minor costo. Sarà, per esempio, meglio usare lavatrice e lavastoviglie di sera o nei fine settimana, mentre per gli apparecchi sempre accesi, come il frigorifero, sono previsti già i due terzi dei kilowattora nelle fasce F2 ed F3.

Con il nuovo sistema, il prezzo dell’elettricità non sarà più unico come adesso, ma differente a seconda dei momenti di utilizzo: più conveniente di primo mattino, la sera, la notte, il sabato e tutti i giorni festivi e più alto dalle 8 alle 19 dei giorni lavorativi, quando la domanda e i costi sono più elevati.

Di conseguenza, ogni singolo consumatore potrà pagare in modo più giusto ed equo, più vicino al vero costo di produzione dell’elettricità che varia a seconda dei diversi momenti. L’Autorità per l'energia elettrica e il gas avvisa, però, che inizialmente la differenza prezzi delle due fasce di consumo sarà molto basso per consentire alle famiglie di abituarsi gradualmente alla novità.

Secondo le prime stime, gli utenti che dovrebbero migrare verso la tariffa bioraria dovrebbero essere circa 25,7 milioni su circa 28,6 (il 90%). Questa percentuale comprende tutti coloro che ancora non sono ancora passati al mercato libero dell'energia.

Requisito indispensabile per il passaggio è che l'utente abbia contatore elettronico e che il dispositivo sia stato riprogrammato per la telelettura dei consumi nelle due diverse fasce orarie. Ricordiamo, però, che sulle ultime bollette che le società stanno mandando ai loro clienti è indicato se la fornitura è già inserita nel sistema.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il