BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Servizi ai cittadini online su Internet e innovativi a Firenze grazie ad IBM

Le innovazioni tecnologiche di Ibm per Firenze. Il progetto Smarter Town



Nuovi servizi innovativi per i cittadini e pensati per far conoscere, esplorare e valorizzare la città Toscana. Tutto per Firenze. Il capoluogo toscano ha, infatti, stretto un accordo con Ibm per una partnership tecnologica e per fornire informazioni in tempo reale sul traffico, grazie alla collaborazione tra il sindaco Matteo Renzi e Nicola Ciniero, presidente e amministratore delegato di Ibm, impegnata nei progetti Smarter Town.

Nei prossimi mesi Firenze svilupperà, infatti, un modello di città interconnessa caratterizzata dalla centralità del cittadino che, attraverso l’innovazione, vivrà in maniera più semplice il rapporto con il territorio e la comunità.

Ibm e il Comune lavoreranno insieme per garantire ai cittadini maggiore qualificazione e ottimizzazione dei processi di innovazione tecnologica nel governo locale, una migliore produttività dei servizi, l'introduzione di innovazioni in nuovi settori della vita cittadina e in ultimo, ma non per importanza, il ritorno degli investimenti.

L’accordo prevede, inoltre, la possibilità di un centro d’eccellenza per sistemi urbani che studierà ipotesi di sviluppo applicativo in aree strategiche come la salvaguardia e la promozione dei beni culturali, la gestione dei flussi turistici e l’integrazione della macchina comunale e che comprenderà la collaborazione di Università, della ricerca e di altri soggetti istituzionali presenti sul territorio.

La novità che prenderà subito i via è quella che prevede informazioni in tempo reale sul traffico, che si avvale dei sensori posti lungo le strade e delle indicazioni di Clearbox, che tramite la rete mobile fornisce informazioni sulla circolazione, sui percorsi migliori alla segnalazione dei parcheggi su strada e nelle strutture apposite, all'attivazione di strumenti di controllo della sosta, monitoraggio dello stile di guida per ridurre i consumi, gestione degli ingorghi, possibilità di fare pagare l'accesso a determinate zone in modalità pay per use.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il