BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Manovra finanziaria 2010: più tasse assicurazioni, salvi scatti anzianità scuola e tredicesime

Assicurazioni, Regioni, sicurezza, scuola: le novità della manovra 2010



Nessuna novità per quanto riguarda i tagli imposti alle Regioni, che dovranno accontentarsi della possibilità di ripartire le decurtazioni con criteri di flessibilità. I tagli restano nella misura fissata nel decreto, 4 miliardi per il 2011 e 4,5 a partire dall’anno successivo.

Poi, toccherà alla Conferenza Stato-Regioni, entro tre mesi, stabilire le modalità con cui applicare le riduzioni. Novità previste, invece, sulla scuola, con il ripristino integrale degli scatti di anzianità per il personale: a differenza di altre categorie del pubblico impiego, il personale della scuola potrà godere nel prossimo triennio degli scatti di anzianità.

Per compensare il mancato congelamento, il governo attingerà al fondo del 30% accantonato nell’ambito della riforma Gelmini per premiare i docenti più meritevoli. I premi di merito sono, dunque, rinviati a dopo il 2013.

Novità anche su Roma Capitale, che si vedrà riconoscere altri 50 milioni, e sulla sicurezza, per cui dovrebbe essere istituito un apposito fondo, e sulla percentuale minima di invalidità necessaria per vedersi assegnare una pensione che tornerà al 74% per tutte le categorie interessate.

Il pacchetto presentato al Senato in commissione bilancio contiene anche, oltre alle novità su sicurezza, certificati verdi, quote latte, anche le misure fiscali per imprese e autonomi.

In arrivo anche una stangata sulle assicurazioni, con l'aumento dell'Ires che garantirà 234 milioni di euro l'anno, con un acconto che sarà gia versato quest'anno. Le nuove proposte sul settore delle assicurazioni prevedono, secondo il nuovo emendamento, una variazione delle riserve tecniche obbligatorie relative al ramo vita per formare il reddito dell'esercizio in misura pari al 90%.

La nuova tassazione parte da quest’anno in corso e inciderà nella misura del 50% anche sul versamento del secondo acconto dell'imposta', fissato al prossimo 30 novembre, da cui dovrebbero arrivare 88 milioni di euro. Cancellato, inoltre, il taglio delle tredicesime per toghe e forze di polizia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il