Approvata la manovra correttiva di 6 miliardi di euro per i conti pubblici

Il Consiglio dei ministri ha approvato la manovra correttiva per un importo di complessivi 6 miliardi di euro.



Il Consiglio dei ministri ha approvato la manovra correttiva per un importo di complessivi 6 miliardi di euro.

La correzione sarà inserita in un emendamento alla legge Finanziaria. La correzione secondo quanto dichiarato dal ministro dell'Economia Tremonti non deve suscitare allarmismo.

Il consiglio dei ministri ha approvato un emendamento di quattro articoli che sará inserito all'interno del maxiemendamento alla Finanziaria ha spiegato Tremonti: «Oggi il governo ha deciso di intervenire sugli incassi delle dismissioni immobiliari ipotizzate in precedenza».

Per le dismissioni immobiliari secondo Tremonti, erano previsti incassi per 6 miliardi. Ora 1 miliardo verrà dai dividendi della Cassa Depositi e Prestiti; 1,5 miliardi dalla riduzione dei trasferimenti sul capitale di Anas e Fs; 2,5 miliardi dalla modifica delle basi imponibili; solo 1 miliardo verrà dalle dismissioni immobiliari.

Tremonti ha poi confermato che gli obiettivi fissati dall'Italia in sede europea, per quanto riguarda i bilanci pubblici sono confermati. In particolare il rapporto deficit/pil arriverà per il 2005 «a quella nota cifra che sapete e per il 2006 al 3,8%».

Il ministro dell'Economia si è poi soffermato sulla questione dei soldi per le famiglie. «La mia impressione è che la discussione sul fondo per la famiglia sarà fatta alla Camera» ha detto Tremonti, riferendosi alle misure per 1,14 miliardi a favore della famiglia ora «oggetto di discussione in Parlamento».

Secondo Tremonti, «il Senato approverà la finanziaria con il fondo già destinato ma non ripartito»: vale a dire, la maggioranza troverà un accordo sulla destinazione di queste risorse durante l'esame della finanziaria a Montecitorio. (AGE) RED-CENT

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il
Puoi Approfondire