Mutui prima casa migliori: offerte a confronto

Le offerte più convenienti del momento di mutui a tasso fisso e variabile



Variabile, fisso, misto, con Cap: scegliere il mutuo da accendere per l’acquisto di una casa adatto alle proprie esigenze è sempre difficile. Per capire, dunque, se sia più conveniente sceglierne uno a tasso fisso o variabile, sono state messe a confronto diverse tipologie. Si parte da due mutui a tasso fisso: Domus Giovani Fisso di Intesa Sanpaolo e Mutuo a Tasso Fisso della Banca Popolare di Bari.

Il primo è pensato per coloro che desiderano acquistare la prima casa, che hanno un'età compresa tra i 18 e i 36 anni alla stipula del contratto e i 76 anni alla scadenza del mutuo.

La durata dei mutui casa può essere compresa tra un minimo di 10 anni e un massimo di 35-40 anni, con un limite di finanziabilità del mutuo compresa entro l'80% o tra l'80,01% e 100% dell'importo minore tra il valore dell'immobile in garanzia riportato nella perizia (obbligatoria) disposta dalla Banca o del prezzo di acquisto.

Il mutuo di Intesa Sanpaolo offre la possibilità di usufruire dell'opzione Flessibilità Durata, che permette al mutuarlo di richiedere di allungare o accorciare la durata del mutuo fino a un massimo di 10 anni.

Altra opportunità offerta è quella dell'opzione Posticipo Rata, che permette appunto di posticipare le rate, per un massimo complessivo di 3 volte, ciascuna per 6 rate consecutive. Il tasso d'interesse applicato è pari al 5,44% e la rata che il cliente dovrà corrispondere è pari a 994 euro.

Il secondo mutuo nasce, invece, per i privati con età compresa tra i 18 e i 75 anni, lavoratori con contratto a tempo indeterminato che vogliono acquistare la prima o la seconda casa. Il cliente può finanziare un importo compreso tra un minimo di 40 mila euro e un massimo di 300 mila euro e la durata del finanziamento potrà essere compreso tra un minimo di 5 anni e un massimo 30 anni, con un tasso d'interesse che varia e seconda della durata e dell'importo finanziato ed è indicizzato all'I.R.S. La rata che il cliente dovrà corrispondere al mese è di 995 euro.

Per quanto riguarda, invece, la scelta dei variabili le opzioni sono il Domus Variabile 100% di Intesa Sanpaolo, per i privati che desiderano accendere un mutuo per l'acquisto della prima casa, di età compresa tra i 18 anni alla stipula e i 76 anni alla scadenza del mutuo.

Prevede un importo finanziabile che va da un minimo di 30 mila ad un massimo di 300 mila e un limite di finanziabilità che va dal 95,01% al 100% del minore tra il valore dell'immobile posto in garanzia stabilito nella perizia (obbligatoria) disposta dalla Banca o dal prezzo di acquisto.

La durata ècompresa tra un minimo di 15 anni e un massimo di 30 anni, con un tasso d'interesse pari all'Euribor 1 Mese lettera (360) rilevato il penultimo giorno lavorativo antecedente la decorrenza di ciascuna rata del mutuo. La rata mensile è di 690 euro.

L’altra opzione è Mutuo Giovani Coppie e Famiglie di Mps , pensato per i privati che comprano la prima casa o ristrutturano quella che già posseduta. L'importo finanziabile arriva ad un massimo 350 mila euro. questo mutuo può essere acceso a tasso fisso o variabile, con tasso variabile indicizzato all'Euribor a 1 Mese, a 3 Mesi o a 6 Mesi lettera (360) per ammortamento con rate mensili, trimestrali o semestrali. La rata che il cliente dovrà corrispondere mensilmente è di 691 euro.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il