BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tassa sulle case con imposta municipale: Tarsu, cedolare secca e case fantasma in aggiunta

La tassa unica municipale: cosa prevede e cosa comprende



Al via il federalismo fiscale: si parte con i 30 miliardi del federalismo comunale, che si tradurrà in 400 euro a testa. Agli attuali tributi si aggiungono Tarsu, cedolare secca e il gettito delle case fantasma e i sindaci avranno piena autonomia di elevare la tassa attraverso un’addizionale da loro stabilita.

Entra in vigore la nuova tassa unica municipale su base territoriale e immobiliare sulla quale decideranno comunque le autonomie. Si tratta di una nuova imposta unica sugli immobili, battezzata Service tax, e che potrebbe essere varata già il 31 luglio, con l'approvazione del decreto attuativo, uno dei cinque ‘federalip.

Soddisfatto il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, secondo cui “Il federalismo municipale porterà più trasparenza, più democrazia e poi verranno fuori bei soldi dal recupero dell'evasione”. Soddisfatta anche la Lega.

La nuova tassa ‘municipale’ comprende tutte le imposte legate agli immobili (per il possesso o il trasferimento del bene), destinate ora all'accorpamento. All'inizio erano quattro: Ici (sulle seconde case), imposta ipotecaria e catastale, imposta di registro e Irpef riconducibile agli immobili.

Poi, ne sono state aggiunte altre tre: la Tarsu (tassa sui rifiuti), 4,2 miliardi, un'imposta forfettaria sulle case fantasma, 1,5 miliardi (meno dei 5 miliardi ipotizzati dal ministro), e la cedolare secca sugli affitti al 23% che vale 1,8 miliardi. Secondo le previsioni di calcolo della Cgia di Mestre, la tassa unica municipale costerà 432 euro ad ogni italiano.

Liguria ed Emilia Romagna, le regioni più colpite, dovranno rispettivamente 670 e 611 euro. Le prime critiche alla Service tax arrivano dalla maggioranza. "La cedolare secca sugli affitti non ha niente a che vedere con il federalismo, ma riguarda l'Irpef nazionale", attacca Mario Baldassari, senatore Pdl.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il