BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni:40 anni di contributi e legate ad aspettative di vita.E' una grande riforma spiega Tremonti

L'Ecofin riconosce la validità della nuova manovra italiana. Sciolto il nodo pensioni



Il requisito dei 40 anni per andare in pensione ‘non era un refuso’, come lo ha definito il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi., ma il tentativo di ‘ulteriore rigore’. Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, spiega che ha cercato “di mettere dentro anche quello e non era un refuso.

Io avrei preferito che fosse dentro, ma il fatto che non sia dentro non cambia le cose. Tutti si sono soffermati su questo punto, ha specificato Tremonti, ma a quasi tutti è sfuggito che la manovra contiene la più importante riforma strutturale fatta in Europa, legando l'età pensionabile alle aspettative di vita”.

E, infatti, Tremonti sottolinea che nella manovra, "c'era già un'importante riforma delle pensioni, con l'adeguamento dell'età pensionabile alle aspettative di vita". E mentre in Italia la nuova manovra, che impone sacrifici per circa 25 miliardi, non fa altro che suscitare polemiche e raccogliere critiche, l’Ecofin  riconosce la sua validità.

Nel testo approvato dai ministri finanziari della Ue (che hanno dato l'ok anche alle manovra di Francia, Germania, Spagna, Portogallo e Regno Unito) si sottolinea come "il governo italiano abbia finora agito conformemente alle raccomandazioni" del Consiglio, secondo cui il BelPaese deve riportare il deficit sotto il 3% entro il 2012 e realizzare sforzi medi di bilancio annuali pari ad almeno lo 0,5% del Pil nel periodo 2011-2013.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il