BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fiat si divide in due aziende: le novità e cosa cambia con lo spin off

Le novità della scissione in casa Fiat. Cosa prevedono



Via libera per la Fiat alla scissione in due società: dal gennaio 2011 ce ne saranno una per il settore auto e una per i veicoli industriali e agricoli. E’ così che la Fiat annuncia allora lo scorporo dei settori auto dal resto della produzione, arrivato dal Cda della casa, e il titolo vola a Piazza Affari del 6, 46%.

L'andamento positivo della gestione si è riflesso in un calo dei debiti netti, scesi a 3,7 miliardi a fine giugno, mentre la liquidità lorda è salita a 13,5 miliardi. L’amministratore delegato Fiat, Sergio Marchionne, ha riunito il cda per esaminare e approvare i risultati del secondo trimestre 2010 e per stabilire i primi piani concreti del progetto di scorporo dell’auto, varato lo scorso 21 aprile con l’obiettivo di realizzarlo entro sei mesi.

Il piano prevede la divisione di due società: da un lato il settore auto, dall’altro la nuova Fiat Industrial che comprenderà le attività di produzione per veicoli commerciali e macchine agricole e parte della produzione di motori. Il famoso spin-off, da cui nascerà la nuova Fiat Industrial S.p.A., scissa dalle attività automotive, sta dunque prendendo forma.

Mentre, dunque, alla nuova società di nuova costituzione, Fiat Industrial S.p.A., spetteranno alcuni elementi dell’attivo (prevalentemente partecipazioni) relativi ai business dei veicoli industriali, motori industrial&marine e macchine agricole, a Fiat Group Automobiles rimarranno i quattro marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth, oltre a Ferrari e Maserati, Fiat Powertrain, Magneti Marelli, Teksid e Comau. La liquidità verrà allocata per circa 10 miliardi a Fiat Spa e per 3 miliardi a Fiat Industrial.

Negli stabilimenti italiani, nel frattempo, da Melfi a Pomigliano, continuano le proteste. Dopo lo scorporo di Fiat Industrial, il Lingotto ritiene di raggiungere, per entrambe le società un elevato livello di liquidità.

Alla presentazione dei risultati di metà anno di Fiat group, si legge, ingatti che “La posizione di liquidità sarà coerente con un profilo di credito robusto, con una divisione del debito industriale netto al 50% fra Fiat e Fiat Industrial, per cui sarà creata anche una piattaforma di Funding”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il