BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Facebook per lavorare: applicazioni business

Le novità Facebook per comunicare e lavorare. Quali sono



Facebook torna a far parlare di sé e a spopolare nel mondo. Secondo un rapporto pubblicato da Nielsen, in media i 500 milioni di utenti di Facebook passano sette ore al mese a leggere i messaggi in bacheca, a sfogliare gli album fotografici e a giocare con applicazioni come Farmville e Mafia Wars. Ma Facebook non è solo giochi: il più popolare social network del mondo, infatti, propone anche nuove applicazioni capaci di aumentare la nostra produttività, contribuendo a migliorare l’uso degli strumenti di lavoro e di comunicazione.

Tra queste novità spiccano BlackBerry PIN Exchange e BlackBerry Pin Exchange, apps che permettono di condividere sul profilo personale il Pin Messenger del proprio BlackBerry, e naturalmente di visualizzare quello degli amici. La stessa app consente anche di cercare e trovare nuovi contatti con cui connettersi e comunicare via BlackBerry.

La particolarità di questa applicazione è il set di impostazioni sulla privacy che permette di gestire, così da garantire il massimo controllo su chi può effettivamente vedere il Pindel BlackBerry e dove questo può comparire. C’è poi Docs, un nuovo servizio per collaborare e lavorare con i propri contatti all’interno del social network, che permette di sfogliare, creare e condividere documenti di Microsoft Office tra la propria rete di amici su Facebook.

Questa applicazione offre la possibilità di caricare un file, aggiungere contatti con credenziali per modificare tale file e inserire il file stesso nel flusso delle attività visibili sulla proprio profilo, così che il foglio elettronico, la presentazione o il documento di testo in questione risulti visibile alla rete dei contatti.

Seguono AddressBookSync per aiutare gli utenti a organizzare meglio i propri contatti e Facebook Toolbars for Firefox pensato per avvisare l’utente di eventuali notifiche su Facebook, così da non costringere le persone a entrare nel social network tutte le volte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il