BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Finanziamenti Piccole-medie imprese: Fondo Pmi in partenza a settembre

Il nuovo fondo a sostegno delle Pmi. Cosa prevede



Via libera al nuovo fondo nato a sostegno di crescita e sviluppo delle piccole imprese. La Banca d'Italia ha, infatti, dato l’ok alla società di gestione e sbloccato il regolamento del fondo di investimento costituito da Tesoro, Abi, Cassa depositi e prestiti, Confindustria e dalle principali banche italiane per sostenere i processi di patrimonializzazione delle Pmi italiane, “inadeguate per la competizione internazionale”, come ha specificato il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, in occasione del meeting di Cl a Rimini.

Il fondo nasce per investire in aziende con fatturato tra i 10 e i 100 milioni che desiderano crescere all'estero. Secondo alcuni dati emersi, le Pmi italiane sarebbero anche “soffocate dai ritardi dei pagamenti, tanto che l'Italia si definisce la peggiore d'Europa con sei mesi di ritardo nel saldo delle fatture, soprattutto da parte delle amministrazioni pubbliche distratte, e con le casse sempre più vuote.

In Italia, per esempio, una piccola azienda o libero professionista per recuperare dalla pubblica amministrazione i soldi di servizi e lavori svolti deve attendere mediamente più di sei mesi, circa 186 giorni, contro i 24 giorni di Finlandia e Estonia, i 33 di Lettonia, i 35 della Repubblica ceca, o i 36 della Germania. Meglio dell'Italia, con un mese in meno di attesa, ci sono anche Grecia e Spagna.

La novità del fondo approvato prevede l’allargamento della partecipazione del sistema bancario italiano al fondo salva-pmi e una maggiore dotazione del fondo sale così da 1 a 1,2 miliardi di euro. Oltre a Intesa Sanpaolo, Unicredit e Monte dei Paschi di Siena sono entrati nel fondo un ampio gruppo di banche popolari per complessivi 200 milioni di euro, così suddivisi: 100 milioni da parte dell'Istituto centrale delle banche popolari e 20 milioni ciascuno da parte del Credito valtellinese, della Banca popolare di Milano, della Banca popolare dell'Emilia Romagna, di Ubi e della Banca di Cividale.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il