BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tessera del tifoso: sconti biglietti treni. Ma è scontro sul resto

Non si placano le proteste contro l'introduzione della tessera del tifoso nonostante sconti e offerte



Il via al Campionato di Calcio di Serie A, stagione 2010/2011, sta per essere fischiato mentre impazzano scontri e polemiche per l’entrata in vigore della nuova tessera del tifoso, la grande novità di questa stagione calcistica. Ad essa correlati, però, saranno previsti diversi sconti.

La tessera, infatti, in accordo con quanto comunicato dal Gruppo Ferrovie dello Stato in vista dell’inizio degli incontri, permetterà di ottenere uno sconto del 15% sui viaggi in treno per le trasferte cui si deciderà di assistere. Questa novità è stata resa possibile da un protocollo di intesa siglato con il Ministero dell’Interno.

Il biglietto scontato è valido a partire da due giorni prima dell’inizio del match e fino a due giorni dopo la sua conclusione. Con una trasferta a Roma, per esempio, con la tessera del tifoso si può accedere allo stadio più facilmente e più rapidamente, senza essere soggetti ad restrizioni legate a possibili problemi di ordine pubblico e si avrà anche la possibilità di tornare a casa dopo la trasferta anche fino a 48 ore dopo il match.

La tessera del tifoso, oltre a sconti con Trenitalia, prevede anche sconti con la società Autogrill, che offre ai possessori della tessera del tifoso la possibilità di ottenere sconti del 10% presso i ristoranti Ciao, in aeroporto, presso le stazioni ferroviarie ed in autostrada.

Novità curiosa sarà il cosiddetto ‘menù del tifoso’: pasto al prezzo fisso di 5,90 euro. Nonostante queste novità vantaggiose che accompagnano la tessera del tifoso, non si placano le proteste contro la sua introduzione, proteste che, per la prima volta, vedono tutte le tifoserie italiane d’accordo.

Basta pensare che i napoletani e i laziali non ne hanno sottoscritta una ma sono, comunque, pronti a partire per le trasferte. I romanisti domenica resteranno fuori dai cancelli. E poi Juve, Fiorentina, Genoa, Bologna. E migliaia di supporter di squadre di B e C. ciò che si teme è l'innesco di un effetto a catena, azioni da inscenare domenica dopo domenica, per creare disordine e per cercare di far cadere l’introduzione di questo sistema.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il