BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tv Google ed Apple: spot pubblicitari online. La sfida è iniziata

Il più grande motore di ricerca e la casa dei record si sfidano: le nuove TV



La sfida sembra essersi aperta e i concorrenti, grandi colossi mondiali, sembrano non voler dar spazio a nessuna esclusioni di colpi e fra novità (Apple il prossimo primo settembre terrà un nuovo mega evento di presentazione delle sue novità), nuovi servizi e funzionalità, il più grande motore di ricerca al mondo, Google, e la società dei record, quella di Cupertino, decidono di farsi concorrenza con le loro innovative Tv.

Internet, musica, giochi, film e programmi tv: tutto questo sarà iTv e Google Tv. Il tutto sostenuto dagli spot tv, che valgono 70 miliardi di dollari all'anno. La società di Steve Jobs si era già lanciata nel settore con Apple tv senza grandi risultati. Anche in Italia tempo fa ci fu un simile, anche se molto più limitato, tentativo operato da Fredoomland, poi non andato a buon fine.

Ora, però, la discesa in campo di due giganti come Cupertino e Mountain View preannuncia grandi novità. Gli spot per la Google Tv sono già pronti, ma non si conoscono ancora né data d'uscita, né prezzo, mentre il costo del dispositivo dovrebbe aggirarsi intorno ai 200 euro.

La iTv, invece, se le prime indiscrezioni troveranno conferma, dovrebbe arrivare sul mercato entro fine anno al prezzo di 99 dollari. Il decoder di Apple, basato su iOs, lo stesso di iPhone e iPad, dovrebbe permettere anche di utilizzare tutte le applicazioni dell'App Store sul televisore, giochi compresi.

La società di Steve Jobs sarebbe, inoltre, in trattative con la News Corp di Rupert Murdoch, con CBS e Disney, per offrire ai propri utenti iTunes la possibilità di scaricare spettacoli tv al costo di 0,99 centesimi per 48 ore. Gli utenti di iTv e di Google Tv avranno inoltre accesso ai servizi di altri operatori, come Netflix, che per nove dollari al mese offre un accesso illimitato al suo archivio che comprende 20 mila titoli tra film e programmi televisivi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il