BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Test università medicina 2010 il 2 settembre: consigli ed esercitazioni

Tutto è pronto per le matricole che dovranno affrontare i test d’ingresso universitari. Le date



Tutto è pronto per le matricole che dovranno affrontare i test d’ingresso alle facoltà universitarie a numero chiuso. Dalla prossima settimana, infatti, parecchi studenti pronti a lanciarsi nel mondo universitario dovranno affrontare lo scoglio dei test per l'ammissione alle facoltà di medicina e chirurgia, veterinaria, odontoiatria, area sanitaria, architettura e scienza della formazione.

Ma anche altri corsi sono a numero programmato su iniziativa dei singoli atenei. Ad aprire la passerella dei test ci saranno giovedì 2 settembre gli studenti che sognano di indossare il camice bianco, il giorno dopo toccherà agli aspiranti odontoiatri.

Per tutti coloro che desiderano laurearsi in Odontoiatria e protesi dentaria il numero di posti messo a disposizione dai tecnici ministeriali è di appena 789 in tutto. Alla Sapienza, l'ateneo più grande d'Italia e d'Europa, saranno ammessi soltanto 58 aspiranti.

Anche per loro 80 quesiti a risposta multipla da risolvere in due ore. E lunedì 6 settembre completano il turno i candidati alla facoltà di Veterinaria, che avranno in tutto 1.006 posti. Il 6 settembre poi toccherà ai futuri veterinari e il 7 agli aspiranti architetti. I diplomati, per occupare uno dei 9.265 posti disponibili, dovranno rispondere ad 80 domande di cultura generale, storia, disegno e rappresentazione e matematica e fisica, il tutto in 2 ore e 15 minuti.

L'8 settembre sarà, invece, la volta di chi ha deciso di intraprendere una delle professioni sanitarie. Per le matricole di scienza della formazione l'appuntamento è fissato il 20 settembre. Gli aspiranti insegnanti si contenderanno i 4.828 posti per la facoltà di Scienze della formazione primaria.

In due ore dovranno rispondere ad 80 quesiti di cultura linguistica e ragionamento logico; cultura pedagogico-didattica; cultura letteraria, storico-sociale e geografica; cultura matematico-scientifica. La novità + che da quest'anno, la votazione conseguita alla maturità sarà presa in considerazione solo a parità di punteggio conseguito al termine delle prove.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il