BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Unico 2010: scadenza finale 30 settembre 2010

C'è tempo ancora fino al 30 settembre per la presentazione di Unico 2010



Scade il 30 settembre il termine ultimo per la trasmissione telematica della dichiarazione dei redditi 2009 con Unico 2010.  Il mancato invio entro la scadenza può essere rimediato con una trasmissione nei 90 giorni successivi (29 dicembre 2010). In questo caso, la dichiarazione è tardiva ma non omessa.

Cinque i consigli per una giusta compilazione del modello, per non sbagliare prima dell’inoltro. Innanzitutto, è bene verificare di avere predisposto la dichiarazione per tutti i contribuenti obbligati alla presentazione del modello; sarebbe poi opportuno verificare la corrispondenza delle imposte versate con quelle effettivamente dovute dopo la chiusura definitiva della dichiarazione.

Alcuni compensi, per esempio, potrebbero non essere stati considerati. Eventuali minori versamenti possono essere rimediati con il ravvedimento operoso, mentre versamenti eccedenti possono essere esposti in dichiarazione e utilizzati in compensazione; assicurarsi una revisione di eventuali scelte già operate.

La presentazione della dichiarazione è il termine entro cui è ancora possibile mutare scelte già fatte in precedenza. Il contribuente, per esempio, potrebbe decidere di adeguarsi agli studi di settore, diversamente da quanto ritenuto entro l'ultima scadenza del 5 agosto.

Il termine di invio offre dunque la possibilità di decidere se esiste, o meno, la soggettività passiva Irap per lavoratori autonomi, intermediari di commercio e piccole imprese. E ancora, è bene procedere al completamento dei quadri descrittivi, in modo da presentare il modello compilato precisamente anche in quei quadri che non hanno un’incidenza diretta sull'ammontare delle imposte dovute, ma contengono sono informazioni descrittive o di segnalazione, come il quadro RW per le attività patrimoniali e finanziarie detenute all'estero, oltre alle movimentazioni finanziarie di supporto.

Al termine di una compilazione puntuale, c’è la fase finale di trasmissione telematica. Gli intermediari devono avere consegnato al contribuente apposito impegno a trasmettere, opportunamente datato.

Il rapporto termina con la consegna, entro i successivi 30 giorni, della ricevuta dell'avvenuta ricezione dati da parte dell'agenzia delle Entrate, unico documento che attesta il corretto invio, insieme alla dichiarazione sottoscritta dall'intermediario.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il