Internet libero e aperto a rischio secondo l'Economist: i motivi

La rete libera a rischio. Cosa succede?



Una rete libera e aperta a tutti? L'Economist analizza questo cambiamento di rotta, a partire dalla grande censura Cina filtra ogni contenuto e ogni idee con specifici software, infrastrutture di telecomunicazioni e gruppi impegnati nel monitoraggio delle attività online.

Ma le restrizioni alla libertà di espressione hanno influenzato anche l'economia. Google, per esempio, deve accettare le restrizioni avanzate da Pechino, in Iran, a Cuba, in Arabia Saudita, e in Vietnam, poi, Internet, contrariamente al suo ruolo e a tutti coloro che auspicavano il diffondersi di una nuova libertà, non ha portato benefici sensibili per la democrazia.

Del resto i cosiddetti ‘giardini recintati’ (walled garden) degli anni Ottanta prima e i social network attuali dovrebbero essere strumenti in grado di rompere ogni barriera spazio tempo fra le diverse comunità di utenti collegate. Eppure, non è così perché Twitter, Facebook sono luoghi frammentati e, spesso, privati, dove riflessioni, immagini e filmati vengono condivisi tra amici. 

Secondo un'analisi di Cisco, condotta da Andrew Odlyzko, la fine del web di stampo tradizionale così come è nato e noi abbiamo imparato a conoscerlo, sta per arrivare e il motivo è piuttosto semplice.

Non scompare il web e l’interesse per lui, ma si cambia: crescer, infatti, l'interesse e l’ attenzione per i video, il filesharing e le applicazioni. Tesi contrastata dal sito Gizmodo, secondo cui i siti di videosharing, come Youtube, non rappresentano una ‘novità’ capace di attirare una crescente attenzione ma sono comunque parte del web. Cosa ci aspetta, dunque, di nuovo?

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il