BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Televisori e cellulari in Italia sempre più venduti e si spende meno per cibo e vestiti

Meno cibo e vestiti per gli italiani ma sempre più tv e smartphone



Meno cibo e vestiti per gli italiani ma sempre più tv e smartphone: il mondo è cambiato e i beni di prima necessità non sono più quelli che garantiscono uno giusto stile di vita, ma quelli che, grazie alla tecnologia, diventano una sorta di finestra sul mondo, come le tv, e un modo di tenersi sempre in contatto con famiglia, amici ed altri, smartphone e cellulari.

Il risultato? Nonostante la crisi porti a risparmiare, si preferisce farlo su cibo e abbigliamento, si rimanda l'acquisto di nuovi mobili ed elettrodomestici, ma l'elettronica cresce, con in testa televisori a schermo piatto e smartphone. Secondo alcuni esperti, saranno loro a trainare la ripresa dei consumi nel prossimo triennio.

Questo è il quadro dell'economia delle famiglie italiane proposto dalla Coop, nel Rapporto Consumi e Distribuzione 2010, elaborato con la collaborazione dell'istituto di ricerche Nielsen. Il documento analizza la situazione attuale dei consumi nel nostro Paese in rapporto al contesto europeo e fornisce previsioni per il 2011.

Dai dati emerge che la crisi ha fatto cadere la domanda di prodotti come arredamento (-7% nel 2007/2009), elettrodomestici (-8,7%), abbigliamento (-10.9%), e alimentari, ma ha fatto salire la domanda di prodotti Hi-tech in crescita anche durante la crisi e anel primo semestre 2010.

A prevalere su tutti è l'elettronica di consumo, dai televisori a schermo piatto agli ormai irrinunciabili smartphone, che da sola fa segnare un +16%. Apparecchiature e servizi per la telefonia (a partire dall'iPad), computer, audiovisivi sono in testa alla classifica dei consumi che cresceranno di più, però, nel prossimo triennio seguiti da altre voci. Secondo le previsioni a riprendersi saranno anche i servizi ricreativi e culturali, le vacanze, i pranzi a ristorante.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il