Pagamenti aziende pubbliche entro 60 giorni dalla fattura: se ritardi penale dell'8%

Nuovo accordo tra Parlamento, Consiglio e Commissione UE sui pagamenti di fatture. I tempi e le modalità



Parlamento, Consiglio e Commissione Ue hanno firmato un accordo sulla proposta di direttiva destinata a limitare i ritardi di pagamento delle fatture. Il compromesso raggiunto prevede che le amministrazioni pubbliche debbano pagare fornitori di beni e servizi entro 60 giorni.

Una volta scaduto questo termine verrà applicata una penale del’8%. Ricordiamo che oggi gli enti pubblici fanno attendere in media 128 giorni, rispetto ai 61 della media europea, mentre le aziende private saldano i fornitori in 88 giorni, 31 in più rispetto ai concorrenti d’Europea.

I ritardi costano alle imprese 934 milioni di euro l’anno e a risentirne maggiormente sono le piccole e medie imprese, mentre il settore che più subisce la lentezza degli enti pubblici è quello sanitario.

Dopo l’accordo raggiunto, la proposta di direttiva sui ritardi di pagamento dovrebbe essere votata dall’aula dell’europarlamento in ottobre e approvata definitivamente entro l’anno.

Il vicepresidente dell’esecutivo europeo responsabile per la politica industriale, Antonio Tajani, ha commentato: “si tratta di una gran buona notizia per le piccole e medie imprese, perché consentirà di rimettere in circolazione una liquidità di circa 180 miliardi di euro e di tenere così in vita tante Pmi che rischiano di soffocare sotto il peso della crisi e dei ritardi nei pagamenti”.

Ricordiamo che l’accordo prevede una deroga al limite dei 60 giorni, nell’ambito della pubblica amministrazione, solo per il settore sanitario.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il