BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui al 100%: come funzionano. Tassi di interesse, offerte e costi a confronto

Cosa sono i mutui al 100% e cosa prevedono



I mutui al 100% permettono di comprare casa anche senza avere risparmi da parte ma si consiglia di optare per questo tipo di mutui quando davvero non si hanno altre strade da seguire, anche perché questi tipi di finanziamento prevedono costi superiori a quelli normali.

Più che veri e propri mutui, si tratta di finanziamenti che comprendono mutui e assicurazioni. Abbastanza diffusi e pubblicizzati fino a qualche anno fa, i tempi d’oro dei mutui al 100% è da considerare terminato perché la crisi economica ha reso particolarmente rischioso questo prodotto.

Attraverso Supermoney, il portale di confronto mutui e tariffe, emerge chiaramente che i mutui al 100% dovrebbero restare un'opzione da prendere in considerazione solo se davvero non si hanno alternative, in caso contrario meglio risparmiare per qualche anno e accendere un mutuo solo quando si ha a disposizione almeno il 20% del costo dell'immobile che si desidera acquistare.

Per rendere l’idea della differenza che può esserci tra i mutui normali e quelli totali, è stata simulata la richiesta di finanziamento da parte di un uomo di 30 anni, che ha un reddito di duemila euro netti al mese, e chiede alla banca 100 mila euro per una casa il cui valore è di 100 mila euro, se sceglie il mutuo al 100%, o di 140mila euro, nel caso di mutuo tradizionale.

Considerando l’opzione del tasso fisso, risultano, innanzitutto, pochissimi istituti di credito che prevedono mutui al 100% e si tratta soprattutto di banche tradizionali o popolari, nessuna online. In questo quadro, comunque, l'offerta migliore tra quelli al 100%, è quella proposta da Domus Giovani di Intesa San Paolo, che prevede un Taeg del 4,98% e una rata mensile di 649 euro, a cui aggiungere circa 500 euro di altri costi.

Le altre offerte prevedono tutte un Taeg superiori al 5% e costi di assicurazione fino ai 1.500 euro. Per un mutuo tradizionale, l'offerta migliore è quella di WeBank, che prevede un taeg del 4,34% e una rata mensile di 619 euro senza spese aggiuntive.

Per quanto riguarda la scelta, invece, dei mutui a tasso fisso, la migliore offerta tra i mutui al 100% è il Mutuo prima casa di Monte dei Paschi di Siena, con Taeg del 2,61%. rate mensili da 528 euro e circa 1.000 euro di spese.

Tra i mutui tradizionali, la migliore offerta è Mutuo Arancio di Ing Direct che prevede un Taeg dell'1,99% con rata da 504 euro al mese senza altre spese. Anche in questo caso la differenza di taeg tra il migliore dei mutui al 100% e quello tradizionale è dello 0,6%, tradotto in una rata di 14 euro al mese più bassa.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il