Prada: dovrà risarcire pr ben 17mila euro una signora per un tacco rotto

Anche le grandi firme della moda pagano per i propri errori: un tacco difettoso costa a Prada ben 17.000 euro. La notizia arriva dal tribunale di La Spezia, dove il giudice Alberto Cardino ha riconosciuto le responsabilità di Prada per una caviglia s



Anche le grandi firme della moda pagano per i propri errori: un tacco difettoso costa a Prada ben 17.000 euro. La notizia arriva dal tribunale di La Spezia, dove il giudice Alberto Cardino ha riconosciuto le responsabilità di Prada per una caviglia slogata.

Per la precisione, un ''vizio di fabbricazione al tacco'' avrebbe causato una distorsione tibio-tarsica (con lesione ai legamenti della caviglia) ad una 42enne di Vezzano Ligure.

La donna, alla quale sono stati riconosciuti anche 8 punti percentuali di invalidità, era stata l'involontaria protagonista di una rovinosa caduta il 23 dicembre del 1998, nell'affollato centro di La Spezia.

Ad ''incastrare'' Prada è stata una perizia del tribunale spezzino, che ha rivelato una rocambolesca serie di sfortunate circostanze dietro all'accaduto.

Durante le fasi di costruzione ed assemblaggio, infatti, la formazione di una bolla d'aria all'interno del tacco aveva permesso ad un minuscolo chiodo una certa libertà di movimento. Una volta acquistati e calzati gli stivali, il tacco ha poi ceduto a causa del movimento ''a mo' di leva'' del chiodino. Inizialmente, i legali di Prada avevano cercato un accordo con la sfortunata 42enne sulla base di un rimborso di 500.000 lire, il valore delle calzature. Rifiutata quell'offerta, a distanza di circa sette anni dall'incidente, la signora di Vezzano Ligure vede ora riconosciuto un risarcimento di 17.000 euro.

Non si tratta di una grossa cifra per una delle aziende italiane più affermate nel campo della moda... ma tanto è bastato a ripagare l'involontaria protagonista di quella serie di sfortunati eventi.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il