BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Conti deposito o pronti contro termine?Confronto rendimenti,tassi e condizioni per stare liquidi

Cosa preferire tra Pct e conti deposito? Offerte e tassi



Se fino a febbraio 2009, i Pronti contro termine erano strumenti privilegiati, oggi la situazione sembra cambiata. Nel 2009, c’era chi si augurava di guadagnare un 5% netto sottoscrivendo i Pct di Barclays Bank, mentre oggi si può sperare in un massimo del 2,20% netto per sei mesi deinuovi Pct firmati Deutsche Bank, mentre per i conti di deposito la durata si allunga superando per la prima volta i 12 mesi. Ovviamente con i tassi che scendono anche i guadagni sono minori.

Silvia Colombo, Media Relations Manager Ing Direct Italia, spiega: “per chi però non si accontenta solo della tranquillità del conto deposito, Ing Direct offre altre tipologie di prodotti di investimento come fondi azionari, obbligazionari, immobiliari, a capitale protetto e fondi profilati” e chiarisce: “Il conto deposito è un prodotto di risparmio nato per fare fruttare la liquidità, offre rendimenti competitivi senza alcuna spesa e senza rischi legati ai mercati finanziari, quindi è adatto a qualsiasi portafoglio investimenti. Anche perché, a differenza dei PCT, è garantito dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi”.

Risponde Dario Banchio, Responsabile Personal Banking della rete sportelli Deutsche Bank in Italia: “Anche se di fatto i conti di deposito sono sostanzialmente un parcheggio di liquidità, i PCT al contrario sono un'operazione a breve termine con la banca e rappresentano un indubbio vantaggio fiscale essendo tassati al 12,5% invece che al 27% come i conti di deposito”.

Per individuare il prodotto più adatto alle proprie esigenze, basta prestare attenzione ai tassi di interesse, confrontando interessi netti e lordi, le scadenze temporali, i limiti di giacenza in conto, le soglie minime di investimento e la durata delle offerte promozionali attivate.

Tra le attuali scelte nel mondo dei conti di deposito vincolati, che cioè sottostanno a limiti minimi e massimi di giacenza in conto, o liberi, senza scadenze prefissate, il tasso attivo più alto sul mercato è quello di Conto WeBank, il conto 2 in1 di WeBank, che prevede un tasso attivo del 2,80% lordo (su base annua) in 15 mesi. Questo ciò che emerge da un confronto effettuato da Of- Osservatorio Finanziario.

Questa offerta è valida solo in promozione per i nuovi clienti che inviano la richiesta di apertura entro il 10 novembre e attivano la linea vincolata entro il 30 novembre 2010. Per tutti gli altri, invece, sono disponibili le linee vincolate a 3,6 e 12 mesi, con interessi attivi rispettivamente pari a 1,40%, 1,70% e 2,20%, per giacenze non superiori a 1.000.000 euro.

Altra scelta è quella del ContoSuIBL di IBL Banca che prevede un interesse lordo del 3% per vincoli a 12 mesi, che diventa 2,75% per depositi semestrali, ma solo in promozione fino al 30 settembre 2010 e per giacenze inferiori a 1.000.000 euro. Time Deposit di Barclays Bank arriva, invece, al 2,50% lordo, per almeno 5.000 euro per depositi a 12 mesi. Per depositi trimestrali, invece, il tasso applicato scende a quota 1,50% per depositi trimestrali, all’1,80% per vincoli a 6 mesi, e arriva al 2% per durate di 9 mesi.

Per quanto riguarda i conti di deposito liberi, spicca la proposta firmata Ing Direct e riservata a tutti i nuovi sottoscrittori di Conto Arancio: il tasso promozionale lordo al 2,60% resta applicato per i primi 12 mesi ma solo per coloro che ne richiedono l’apertura entro 30 novembre. Al termine della promozione, invece, verrà applicato il tasso a regime fisso ad un più contenuto 1%.

Anche l’offerta al 2% lordo di Sparkasse per Conto Extra resta in promozione per un tempo determinato, i primi 60 giorni, e per giacenze inferiori a 100.000 euro. Mentre a partire dal sessantunesimo giorno il tasso a regime scenderà di 0,50 punti percentuali arrivando a quota 1,50%. Non offrono promozioni per il deposito libero, invece, WeBank, CheBanca! e IWBank.

Novità, invece, nel mondo dei Pronti contro Termine, che di solito offrono rendimenti più elevati, ma vincolati a scadenze temporali più corte rispetto ai depositi a risparmio. La novità è firmata Deutsche Bank, la promozione è riservata a tutti i nuovi clienti che sottoscrivono il prodotto entro il 31 ottobre 2010, ma può anche essere sottoscritta dai già clienti Deutsche Bank a patto che apportino nuovi capitali, partendo da un investimento minimo di 5.000.

Si tratta di un'offerta che comprende da 20 operazioni trimestrali in PCT con rinnovo automatico per una durata complessiva potenziale dell'investimento di 5 anni. Il tasso minimo garantito è fisso al 2,20% netto per i primi 6 mesi, mentre i successivi rinnovi trimestrali automatici sono legati all'Euribor a 3 mesi con tassi crescenti: per i primi 18 mesi l'interesse applicato sarà pari all'Euribor incrementato dello 0,10%, che sale allo 0,15% per il terzo e quarto anno fino ad arrivare allo 0,40% all'ultimo anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il