BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Contratto metalmeccanici: si tratta sulle deroghe

I sindacati a lavoro sulle deroghe al contratto nazionale. La situazione



Fim, Uilm e Federmeccanica dovrebbero siglare il 29 settembre un documento per le deroghe da applicare al contratto nazionale dei metalmeccanici e permettere l'attuazione dell'intesa per Pomigliano d'Arco senza il rischio di ricorsi che possano compromettere l'investimento.

Il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, ha detto: “Stileremo un documento aperto e generico in modo tale da non vincolare nessuno", ha detto Palombella spiegando che i presupposti per poter chiedere le deroghe riguarderanno specifiche situazioni aziendali di crisi o di sviluppo con relativi investimenti.

A quel punto si avvierà un confronto aziendale e territoriale e, una volta raggiunta l'intesa, si valuterà se ci sono gli effettivi requisiti per la deroga”. Le parti stanno definendo al tavolo in quali casi e con quali procedure si potrà, a livello aziendale o territoriale, applicare le deroghe al contratto nazionale in caso di crisi o di fronte ad investimenti.

Sarà, dunque, necessario pensare ad una strategia che operi a livello locale, anche se sulla conformità degli accordi è prevista una verifica nazionale. Alla ripresa del negoziato, la federazione delle aziende metalmeccaniche ha ribadito la proposta di un incontro il 5 ottobre per discutere le problematiche di questo comparto in modo da scrivere norme ad hoc nell'ambito del contratto del 2009, non sottoscritto dalla Fiom.

Ma su questa richiesta le tute blu di Cisl e Uil restano contrarie, manifestando la sola disponibilità a trattare sulla derogabilità per tutti i settori. Ma per i sindacati l'incontro del 5 ottobre potrebbe rivelarsi superfluo se si troveranno le risposte con le deroghe.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il