Manager italiani e multinazionali: pochi sono i leader internazionali

I più prestigiosi manager italiani. Chi sono



Alessandro Profumo si dimette da ad di Unicredit, ricevendo una buonuscita da 40 milioni di euro. Profumo è stato per 15 anni tra i protagonisti di una fila di manager italiani che guidano o occupano posizioni rilevanti in multinazionali. Il prestigioso elenco dei manager di fama internazionale sono pochi e si contano sul palmo di una mano.

Spuntano nomi come quello di Sergio Marchionne (Fiat), Vittorio Colao (Vodafone), Carlo Bozotti (Stm), Gianfranco Lanci (Acer), Giuliano Beretta (Eutelsat) e Mario Draghi, che prima di diventare governatore della Banca d'Italia era membro del management Committee di Goldman Sachs a Londra.

Nell'ultimo anno, i manager italiani si sono distinti in modo particolare, a partire dall'amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, che ha ricevuto i complimenti dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Buona anche la posizione di Vittorio Colao, ad di Vodafone.

Nel 2009 ha guadagnato 2,24 milioni di euro, recentemente ha portato a termine la cessione della partecipazione in China Mobile con cui la compagnia telefonica ha incamerato 4,3 miliardi di sterline e tiene in ballo ora una possibile fusione con il colosso statunitense Verizon, di cui Vodafone già detiene il 35%.

C’è poi Gianfranco Lanci presidente Acer e amministratore delegato della compagnia, che ha portato la società ad incrementare il fatturato dell'azienda, tanto che a marzo Acer ha battuto Dell diventando il secondo produttore mondiale di pc, alle spalle di HP. A seguire troviamo Francesco Caio, vicepresidente del colosso finanziario giapponese Nomura International, che prima deteneva la stessa carica in Lehman Brothers International.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il