BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carta di credito più sicura per evitare truffe: le novità delle card 2.0

I nuovi modelli, più sicuri ed evoluti, di carte di credito. Cosa cambia



Sono dotate di schermi a cristalli liquidi, sono multi-account, integrano immagini e suoni: si presentano così le carte di credito del futuro. Le nuove carte, strumento privilegiato di pagamento oggi, scelto dai più giovani e non, stanno cambiando evolvendosi quasi in micro-computer, come se fossero strumenti intelligenti pensati per ridurre al minimo i rischi di clonazione.

Le novità più interessanti sono state svelate alla Demo Conference di Santa Clara, in California, evento che vede protagoniste le novità tecnologiche più evolute e, talvolta, impensate. Occhi puntati sulla Card 2.0 proposta da Dynamics,nata nel 2007 con l'obiettivo di rivoluzionare il mondo delle credit card.

Accanto ad essa spuntano i nuovi prodotti Visa e MasterCard che pensano a ultimi modelli che sfrutteranno l’evoluzione della microtecnologia. Se prima era la plastica che tutti conosciamo a dar vita alla carta di credito, dopo una serie di trasformazioni, in termini di usufrutto e servizi specifichi cui essa poteva servire, si è arrivati alla creazione delle cosiddette carte di credito 2.0.

Si tratta fondamentalmente di micro-chip, display a cristalli liquidi e meccanismi complessi di criptografia, racchiusi nelle ormai tradizionali ‘tessere’ che siamo abituati ad avere, ma in nuove versioni resistenti all'acqua. A Santa Clara, gli sviluppatori di Dynamics 2 hanno presentato due esempi di credit card 2.0: sono la MultiAccount e la Hidden, novità in grado di offrire maggiori garanzie di sicurezza.

La MultiAccount integra due tasti che permettono al proprietario di scegliere la modalità debito o credito e di gestire più conti correnti contemporaneamente. Attraverso un pulsante, si seleziona il conto a cui si vuole attingere, successivamente un segnale luminoso mostrerà l'avvenuta sintonizzazione.

Il modello Hidden, invece, si basa sul principio dell'inchiostro simpatico: parte del numero di carta non è stampata, ma compare sullo schermo solo dopo che si inserisce un codice segreto attraverso il dispositivo stesso. Dopo di che questa carta sarà pronta per essere usata come una normale carta di credito e presso qualunque lettore magnetico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il