BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tassi di interesse mutui attuali aggiornati ogni giorno: come calcolare e trovare

Come calcolare e scegliere il tasso del mutuo che si preferisce. Consigli



La scelta di un mutuo da stipulare dipende decisamente dall’andamento dei tassi che, più o meno convenienti, portano i mutuatari a preferire il mutuo a tasso fisso o variabile. Se fino a qualche mese fa il variabile era la tipologia di mutuo più consigliata perché i suoi tassi avevano raggiunto minimi storici, la situazione di oggi sembra cambiare, per cui è bene valutare attentamente le possibili variazioni che i tassi possono subire prima di decidere il mutuo da accendere.

Ma come fare a calcolare i tassi di interesse dei mutui attuali? Accendere un mutuo a tasso variabile o un mutuo a tasso fisso comporta sempre rischi differenti. Se è vero che il mutuo a tasso variabile permette di beneficiare delle oscillazioni dei mercati e quindi di avere oggi un tasso molto basso, è bene sapere che nel caso di rialzi la rata potrebbe anche triplicarsi.

Per il tasso fisso, invece, la situazione è decisamente diversa: se prima, infatti, questa tipologia garantiva la certezza di una rata sempre uguale per tutta la durata del finanziamento ma con un tasso vertiginoso, oggi anche i tassi di interesse sui mutui fissi scendono e diventano più convenienti.

Scegliere oggi di accendere un mutuo è appetibile come scelta per questo momento, unica accortezza è quella di capire innanzitutto a quale banca affidarsi e quindi scegliere, tra le varie opzioni presentate, la tipologia di mutuo che meglio si adatta alle proprie esigenze.

Autore:

Marianna Quatraro

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Gennaio 2017 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il