BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Informatica per ripresa economica in Italia: un volano da 60 miliardi solo nella PA

La crescita informatica nelle Pa per uno sviluppo costante e maggiori risparmi. Come fare



Risparmi per 60 miliardi con la Fatturazione Elettronica, altri con l'eProcurement per la PA, ancor più con l'IT nella Sanità: sono questi i numeri che si potrebbero raggiungere se fossero incrementati in Italia i servizi informatici. “La necessità di competere per uscire dalla crisi è oggi la sfida principale che l’Italia deve porsi”, ha detto Pierfilippo Roggero, Senior Vice President, Southern & Western Europe di Fujitsu Technology Solutions e Amministratore Delegato e Presidente di Fujitsu Technology Solutions Italia.

Intervenendo al convegno ‘Una nuova governance per l’innovazione in Italia" organizzato a Milano dalla School of Management’ del Politecnico di Milano e Fujitsu Roggero ha spiegato chiaramente che “In un mondo globalizzato il ruolo delle aziende multinazionali è sempre più marcato” e ha sottolineato: “Gli investimenti delle multinazionali in Italia sono pari a circa 400 miliardi di dollari. Le stesse multinazionali hanno investito in Francia quasi il triplo, 1.150 miliardi di dollari. E ogni anno il divario aumenta”.

Risulta, dunque, evidente come l’ICT è oggi una delle poche leve in grado di portare verso una Pubblica Amministrazione migliore sia dal punto di vista della qualità che del risparmio economico.

La Fatturazione Elettronica, per esempio, è un progetto che potrebbe portare all’Italia a risparmiare fino a 10 miliardi di euro all’anno, che diventerebbero 60 miliardi nel caso in cui il suo uso si estendesse anche a tutto il ciclo ordine-pagamento.

Anche un costante uso dell’eProcurement nella PA può far risparmiare abbattendo i tempi di comunicazione con i fornitori, offrendo agli uffici delle PA l’opportunità di investire nuove risorse in attività a valore aggiunto, legate alla relazione con imprese e cittadini, quali la gestione della relazione coi fornitori, e la stessa preparazione delle strategie e degli strumenti di gara. Anche la Sanità potrebbe spendere di meno in Information Technology.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il