BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nuovo redditometro 2010-2011: avvisi per milioni di contribuenti di possibile evasione fiscale

Potrebbero essere milioni i contribuenti italiani che saranno sottoposti ad ulteriori accertamenti fiscali a causa di possibili evasioni.



A sostenere una lotta all’evasione ancor più capillare è arrivato il nuovo redditometro 2010-2011 che, secondo Luigi Magistro, direttore centrale Accertamento, “Va visto come uno strumento di prevenzione, più che di accertamento”.

Magistro ha, infatti, assicurato che non saranno penalizzate le famiglie di fatto o quelle più numerose, ma che “la suddivisione in famiglie serve solo per arrivare a un risultato più attendibile”.

Sarebbero, infatti, attendibilità e la ragionevolezza le due caratteristiche che secondo Magistro connotano il nuovo redditometro. Grazie al nuovo redditometro, le Entrate stanno passando sotto la lente di ingrandimento il tenore di vita e i consumi dei contribuenti e saranno proprio questi i perni sui quali si concentreranno i maggiori accertamenti.

Se i guadagni auto-denunciati saranno inferiori di oltre il 20% rispetto a quello che l'amministrazione finanziaria valuterà corretto, i contribuenti-consumatori dovranno giustificare la differenza.

I controlli scatteranno già dal prossimo anno per le dichiarazioni 2009 (il cui termine di presentazione scade giovedì 30 settembre).

Per il momento il lavoro capillare dei tecnici delle Entrate si sta essenzialmente concentrando su un campione di 800 mila contribuenti, dopo aver selezionato 100 tipi di spesa significativi per determinare il reddito speso.

Le spese considerate sono solo quelle effettivamente sostenute, di cui il fisco ha notizia in base ad accertamenti o all'anagrafe tributaria.

Il redditometro classico aggiunge poi a queste spese effettive, quelle di cui si presume l'esistenza in ragione delle esigenze di gestione di beni patrimoniali effettivamente posseduti. Infine, il nuovo redditometro aggiungerà a questi due passaggi un terzo, fondato su altri fattori: dall'ampiezza del nucleo familiare alla territorialità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il