BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazioni auto in Italia: prezzi e premi più alti d'Europa. Allarme dell'Authority

Il presidente dell'Antitrust sull'andamento del mercato Rc Auto in Italia



Aumentano i premi superando di gran lunga i costi medi degli altri paesi europei e nel mercato delle assicurazioni non è stato attivato un efficace processo concorrenziale e conseguentemente non si è avuto un riflesso positivo sul contenimento dei prezzi.

Questa è la fotografia che prospetta il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, sulle dinamiche del mercato dell'Rc Auto in Italia. I premi, nei dodici mesi fino al giugno scorso, sono aumentati più della media dell'Eurozona e l’aumento per l'Italia è stato del 7,7% a fronte di un +5,4% dell'area dell'euro.

Catricalà ha spiegato che “Le ragioni di questo stato di cose sono da ricondurre al tipo di servizi in questione che, data la loro particolare complessità, si prestano ad essere valutati dal consumatore non direttamente, ma attingendo ai suggerimenti di determinati intermediari cui si riconosce una particolare fiducia (l'agente come l'addetto allo sportello bancario).

A ciò si deve aggiungere un'ulteriore criticità dei mercati italiani dal lato dell'offerta”. Ma l'aumento dei prezzi non è l'unico problema che registra questo settore in Italia, perché sempre secondo Catricalà ci sarebbe da considerare anche il problema delle modalità poco trasparenti con cui gli incrementi di premio sono resi noti ai consumatori, “in particolare quelli dovuti agli aumenti, resi obbligatori da disposizioni comunitarie, dei livelli minimi di massimale di indennizzo che devono essere previsti dalle polizze.

Sulla questione l'Autorità ha ricevuto numerose denunce che sta approfondendo nell'esercizio delle proprie competenze di tutela del consumatore”. Importante, infine, secondo il presidente dell’antitrust anche la questione relativa alla sottostima dei danni da parte delle compagnie e dei conseguenti effetti di depressione dell'incentivo a competere. Si sarebbe, infatti, amplificata la tendenza alla sottostima dei danni riconosciuti ai propri assicurati da parte delle compagnie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il