BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Class action contro Trenitalia organizzata dai pendolari per treni in ritardo e sporchi

Ritardi, corse saltate, treni spochi, aria condizionata fuori uso: la protesta dei viaggiatori contro Trenitalia



I pendolari pronti a protestare contro Trenitalia. L'iniziativa parte dai viaggiatori della Nettuno-Roma, 20mila passeggeri al giorno, e arriva in Rete coinvolgendo anche per tutte le altre linee regionali. Su tutte le linee, infatti, sorgono gli stessi problemi, dalla Roma-Lido alla Nettuno-Roma, passando per i collegamenti verso Tivoli, Cesano e Civitavecchia: ci sono ritardi, corse saltate, sporcizia sui treni, aria condizionata fuori uso o freddo nelle carrozze e spifferi gelidi.

I passeggeri non ci stanno e si mobilitano per usufruire di servizi decisamente migliori.  Quelli della Nettuno-Roma stanno raccogliendo le firme per avviare una class action indirizzata a Trenitalia, iniziativa che potrebbe presto coinvolgere anche altre linee e alla mail classactionromanettuno@gmail.it le adesioni continuano a crescere ogni giorno. La scadenza per firmare la petizione contro Trenitalia è prevista per il prossimo 15 ottobre.

Poi un avvocato di Aprilia, cui si è rivolta la signora Rosalba Rizzuto che sta coordinando la protesta, porterà il documento in tribunale. Nel frattempo, iniziano a farsi sentire alcuni consiglieri regionali, come Ivano Peduzzi, di Sinistra e Libertà, che ha chiesto la convocazione quanto prima, della commissione Mobilità per affrontare le criticità denunciate.

Il presidente dei verdi Angelo Bonelli pensa invece ad estendere l’utilizzo della class action: “Le segnalazioni arrabbiate dei pendolari riguardano numerose linee e la richiesta danni è fondata”. E sul web spuntano da qualsiasi parte le parole dure e di proteste dei viaggiatori, condite da racconti di qualche ‘problemino’ che si sono trovati a dover fronteggiare. Basta cliccare sul sito www.pendoralicv.org per leggerne qualcuno.
www.pendoralicv.org

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il