BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Medici offesi da Brunetta in un video: assatanata di soldi. Interrotta ogni collaborazione

Il ministro offende la categoria dei medici e loro protestano



Il ministro della Funzione Pubblica, Renato Brunetta, definisce la categoria dei medici ‘assatanata di soldi’, il suo intervento finisce su Youtube, i medici si ribellano e l'Ordine nazionale e i sindacati interrompono ogni collaborazione, sostenendo “Se non chiede scusa, parliamo solo con Fazio. Non si può collaborare con chi insulta”.

Motivo del contendere è stato il flop del nuovo sistema di trasmissione dei certificati. Le parole di Brunetta, secondo il documento approvato dall'Ordine dei medici, 'hanno spezzato un rapporto di fiducia e di reciproca affidabilità che ci impediscono di proseguire una costruttiva collaborazione con il ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione'.

Le affermazioni del ministro, riprese e messe su Youtube, secondo l'Ordine rappresentano 'considerazioni del tutto infondate nel merito e gravemente offensive per tutti i medici italiani colpiti come professionisti e come cittadini del nostro paese'.

I medici hanno, inoltre, sottolineato una mancanza di fiducia e di rispetto verso l'intera categoria professionale che invece “si è resa disponibile a un processo di innovazione serio ed efficace di trasmissione online di certificazione di malattia per rendere un servizio serio ed efficace”. Oltre all'ordine professionale, anche le organizzazioni di categoria hanno preso posizione contro il ministro, a partire dalla Cimo-Asmd che rappresenta medici e dirigenti ospedalieri.

Il presidente Riccardo Cassi ha detto: “Altro che categoria assatanata di soldi, siamo una categoria che lavora senza orario, regalando milioni di ore non retribuite per garantire la salute dei cittadini per 365 giorni all'anno, nei pronto soccorso, negli ospedali e nei posti di emergenza territoriale, con turni massacranti solo per coprire le carenze dovute a mancate assunzioni e ad errori di programmazione. Brunetta deve chiedere scusa”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il