BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Finanziamenti Unione Europea per Pmi 2010-2011 fino al 2013

Nuovi fondi Ue per le imprese. A cosa sono destinati



L’unione Europea si schiera a sostegno dell Pmi e presenta nuovi finanziamenti che saranno erogati sotto forma di sovvenzioni, prestiti e, in alcuni casi, garanzie. I contributi Ue sono rivolti alle Pmi per il periodo 2007-2013 per via diretta, emanati, gestiti e controllati cioè direttamente dalla Commissione europea di Bruxelles.

Meglio conosciuti come Programmi comunitari, questi finanziamenti sono destinati essenzialmente a finanziare progetti di ricerca e innovazione tecnologica, del settore ambiente, dei trasporti, dell'energia, dell'audiovisivo, dell'istruzione formazione, e delle politiche sociali.

Le Pmi possono presentare domanda diretta di adesione a questi programmi, illustrando progetti transnazionali e sostenibili e il sostegno dell'Ue consisterà in sussidi che copriranno una parte dei costi da sostenere per la realizzazione dei diversi un progetto.

Altro metodo di erogazioni dei finanziamenti è quello dei cosiddetti fondi strutturali che puntano sui fondi europei di sviluppo regionalee ch rappresentano un'altra importante fonte di finanziamento per le Pmi. In tal caso, la gestione dei programmi e la selezione dei progetti avviene esclusivamente a livello regionale e nazionale.

Infine, si punta su strumenti finanziari BEI e FEI. Si tratta di prestiti a tasso agevolato erogati dal Fondo europeo per gli investimenti (FEI) o dalla Banca europea per gli investimenti (BEI), dove intermediari finanziari nazionali, per lo più enti creditizi, ne curano le pratiche di attivazione a livello nazionale.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il