BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cassa integrazione in deroga 2011 continua vista la scadenza a fine anno?

Le risorse disponibili per la deroga della cassa integrazione: il governo a lavoro



Il governo a lavoro sulla valutazione delle risorse ancora disponibili fra quelle stanziate per gli ammortizzatori sociali e che, dunque, possono essere ancora utilizzate anche nel 2011, per rifinanziare la cassa integrazione in deroga, considerando il protrarsi della crisi.

Per il biennio 2009-2010, il governo aveva stanziato 32 miliardi per gli ammortizzatori sociali di cui 8 miliardi erano destinati alla cosiddetta cassa integrazione in deroga, a tutela delle categorie tradizionalmente non protette ma egualmente colpite dalla crisi.

Ora, il ministro Sacconi ha spiegato che è in corso una ricognizione con le Regioni sull'effettivo impiego delle risorse stanziate “Il grado di impegno delle risorse è circa 50%. Stiamo facendo i conti per vedere l'effettivo fabbisogno”. I numeri in materia occupazionale sono allarmati.

Secondo i dati dell'Inps relativi a gennaio settembre 2010 per il territorio del Piemonte, per esempio, nel 2010 sono state autorizzate 140 milioni di ore di cassa integrazione ordinaria contro i 114 del 2009 e i poco più di 19 del 2008. Ma si tratta addirittura di cifre che, secondo la Cgil, non fotografo effettivamente  il peso dell'uso della cassa integrazione.

E’ come, sempre secondo la Cgil, se 102mila lavoratrici e lavoratori piemontesi fossero stati del tutto esclusi dal lavoro per otto mesi. Per quanto riguarda gli ammortizzatori sociali, poi, tutti gli indicatori stanno danno segnali preoccupanti: ad essere maggiormente sotto pressione è il settore industriale, in particolare quello metalmeccanico,seguito dal tessile, dall'abbigliamento e dal calzaturiero.

E la Cgil avverte che se la crisi continuerà a persistere c'è il rischio che si vada ad un esaurimento del sistema degli ammortizzatori sociali e questo potrebbe lasciare scoperti migliaia di lavoratori che rischierebbero di perdere il lavoro.

Per questo il segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni, commentando i dati diffusi dall'Inps e riferendosi alla ricognizione che il governo sta conducendo con le Regioni per valutare quante risorse servono effettivamente per gli ammortizzatori sociali, aggiunge: “Sappiamo anche noi che esistono residui di risorse per gli ammortizzatori ed è proprio per questo che chiediamo siano utilizzati per questo scopo nel 2011. Ma allo stato attuale non esiste alcun provvedimento che proroghi la cassa in deroga per il prossimo anno”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il