Controlli evasione fiscale 2010-2011 dipendenti e pensionati con collaborazioni occasionali

Anche pensionati e dipendenti nel mirino dei ferrei controlli fiscali



Dopo liberi professionisti e grandi imprenditori, nel mirino delle Fiamme gialle finiscono anche dipendenti pensionati che arrotondano i propri stipendi con collaborazioni occasionali e su cui è stata operata una ritenuta d'acconto.

D’ora in poi verranno, dunque, incrociati i dati dei contribuenti non titolari di partita Iva che presentano più Cud (certificazione unica dei redditi) ma che non hanno effettuato alcun conguaglio su eventuali compensi extra percepiti nell'anno. Nell’occhio del mirino anche gli amministratori di condominio cui potranno essere contestati compensi non dichiarati per prestazioni di servizi erogati al fine di soddisfare le esigenze e le pretese dei condomini.

Per scovare questi evasori, verranno incrociati i dati contenuti nel modello 770 e le ritenute operate dai sostituiti d'imposta che si ritrovano negli elenchi di clienti-fornitori dove sono riportati gli importi corrisposti nel corso dell'anno. A fare la differenza sarà, dunque, sarà la ritenuta d’acconto.

Nelle prime operazioni anti evasione condotte sulle consulenze nascoste al fisco da medici, architetti, ingegneri, geometri, giornalisti, attori e psicologi, l'elaborazione informatica ha consentito al Nucleo speciale entrate delle Fiamme gialle di evidenziare le diverse posizioni dei professionisti attraverso l'esame della ‘Comunicazione dati certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi (quadro AU del modello 770/S) presentate all'agenzia delle Entrate dai sostituti d'imposta che hanno corrisposto, negli anni 2004, 2005 e 2006, compensi per prestazioni di lavoro autonomo nell'esercizio di arti e professioni o per prestazioni non svolte abitualmente.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il