BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Facebook bloccato in ufficio per dipendenti pubblici regione Lazio

Niente Facebook per i dipendenti della Regione Lazio. Il provvedimento



La Regione Lazio dice no a Facebook in ufficio. Salvatore Ronghi, segretario generale della regione Lazio, ha emanato due circolari che vietano l’utilizzo del famoso social network ai propri dipendenti durante l’orario di lavoro.

Dopo aver, infatti, riscontrato un utilizzo di Internet prettamente ludico e non attinente all’attività lavorativa, si richiede l’immediata inibizione dell’accesso al World Wide Web di tutto il personale la cui mansione non richiede accesso ad informazioni presenti sul Web.

Questo quanto comunicato dalle circolari che non lasciano, dunque, alcuno spazio a dubbi. Niente Facebook durante il lavoro. Il provvedimento arriva dopo i risultati di un’indagine interna condotta nei confronti dei propri dipendenti e da cui è emerso che oltre il 70% dei lavoratori, durante l’orario di lavoro, effettua accessi a Facebook, YouTube o Windows Live Messenger.

Renata Polverini, presidente della Regione Lazio, ha dunque deciso. E nulla sembra poter cambiare questa decisione, nonostante lo stesso Facebook abbia giocato un ruolo importante nella campagna elettorale e la Polverini stessa conti migliaia di amici.

Il problema, come al solito, però, non è stato l'uso, ma l'abuso del mezzo. La decisione di bandirne completamente l’uso è stata giudicata eccessiva dai dipendenti che hanno spiegato di effettuare accessi su Facebook durante i momenti di pausa. A nulla sarebbe servita poi una testimonianza di ricerche secondo cui l’uso di Internet e la possibilità di ‘svagarsi’ in rete migliorino invece la concentrazione sul lavoro. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il