BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sesso orale, tumore e l'informazione medica online

Lo stretto rapporto esistente fra sesso orale e tumore alla bocca: la notizia in rete



La notizia viene diffusa da un’associazione britannica, finisce in rete e grazie al potere di Facebook raggiunge gli utenti di tutto il mondo in men che non si dica. La notizia in questione riguarderebbe lo stretto rapporto esistente fra sesso orale e tumore alla bocca.

Quasi diecimila click sul Mi piace di Facebook e centinaia di link sui più svariati siti testimoniano la potenza della comunicazione su Internet. E così anche la pratica del sesso orale finisce nella lunga lista delle preoccupazioni quotidiane. e nonostante già si conoscesse lo stretto rapporto fra queste causa-effetto, è stato grazie ad Internet che il problema è tornato più attuale che mai, come spesso oggi succede quando una notizia, soprattutto medica o che comunque colpisce e preoccupa irrompe prepotentemente in rete.

Che da tempo, infatti, si sospettasse un legame fra sesso orale e tumori orofaringei, non è una novità, ma ora arriva la prova definitiva che con fellatio e cunnilingus, praticati con più partner, si può trasmettere il virus del papilloma umano (Hpv) e che l’Hpv rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo di queste neoplasie, situazione che peggiora se si fa uso di alcol e fumo.

I ricercatori americani del Johns Hopkins Kimmel Cancer Center di Baltimora hanno osservato che i malati, in precedenza infettati dal virus, presentavano un rischio di sviluppare il cancro 32 volte maggiore rispetto a chi non aveva l’Hpv , rischio ben più alto di quello che corrono i fumatori (triplicato rispetto a chi non fuma) e i forti bevitori (due volte e mezzo rispetto a chi non beve).

I pazienti che avevano avuto più di sei partner per il sesso orale, durante la loro vita, avevano una probabilità di andare incontro a un tumore da Hpv 8,6 volte maggiore rispetto agli altri. Negli Stati Uniti, in Europa e da poco anche in Italia è in commercio un vaccino anti-papilloma virus che si è rivelato efficace nel prevenire le infezioni genitali nelle donne, ma non ne è stata ancora testata l'efficacia nei maschi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il