BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Windows 7: licenze vendute e passaggio al nuovo sistema operativo

Record di vendite per Windows 7 in questo anno. In cantiere già Windows 8?



Nuovo record per Microsoft ad un anno dal lancio di Windows 7, festeggiato con 240 milioni di copie vendute, successo di gran lunga superiore alle aspettative. E, per chi pensa che possa trattarsi solo di un iniziale entusiasmo, a smentirlo arrivano i risultati dell’ultimo trimestre che ha fatto registrare una vendita di 65 milioni, con un primato di 8.30 5 licenze vendute al secondo, valore solo di poco inferiore alle 9.97 licenze per secondo, record assoluto raggiunto tra il 23 giugno e il 21 luglio di quest'anno.

Gavriella Schutzer, general manager del gruppo management prodotti Windows, ha spiegato: “Che Windows 7 fosse atteso con impazienza dopo il flop del suo predecessore Vista era cosa ben nota, ma nessuno avrebbe previsto, al momento del lancio, numeri di questo genere”. Ciò che però ancora colpisce nonostante questi risultati record, è che l’ormai vecchio XP resta ancora la versione dominante del mondo Microsoft, con un ampio margine su tutti i suoi predecessori e successori, e Windows 7 occupa il 17% circa di share del mercato, contro il 60% della versione più vecchia.

Sarà una questione di maggiore familiarità ormai da parte degli utenti, anche di coloro meno amanti delle novità tecnologiche, sarà il dubbio che Windows 7 possa presentare gli stessi problemi di Vista, per cui c’è chi ancora attende di vedere come si comporta, fatto sta che Windows 7 cresca ma XP mantiene ancora il primato.

Il nuovo sistema operativo è installato sul 93% dei nuovi PC consumer e ha una quota globale del 17%. Entro la fine 2010 Microsoft punta a vendere 300 milioni di licenze e il prossimo anno, secondo indiscrezioni, potremmo iniziare a sentire parlare del nuovissimo Windows 8. Ma, fino all'uscita del nuovo sistema operativo, che dovrà scontrarsi con Mac OS X Lion e Chrome OS , Windows 7 dovrà fare la parte del leone.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il