BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Non riesco a trovare lavoro: come fare e consigli

Come trovare lavoro e quali sono le figure più cercate



Sembra diventata una sorta di filastrocca per tutti i giovani di oggi, il ‘non riesco a trovare’ è ormai un tormentone e le ragioni sono ben comprensibili. Considerando gli ultimi dati sul tasso di disoccupazione giovanile, sempre più crescenti e allarmanti e che coinvolgono anche coloro che vantano un percorso di studi e formazione eccellente e abbastanza completo, non stupisce che le lamentele continuano a farla da padroni in un mondo in cui si predica che il fenomeno della cosiddetta ‘fuga dei cervelli’ penalizza il nostro Paese, ma dove si fa nulla per arrestarla.

Ecco allora alcuni consigli per tutti coloro che incontrano delle difficoltà nel trovare un lavoro attualmente. Innanzitutto è bene ricordarsi che oggi in Rete sono tantissimi i Portali specializzati negli annunci di ricerca lavoro, da InfoJobs a Monster, a canali come quelli di Tiscali o del Corriere.

Solitamente le probabilità di risposta per chi invia i curricula via Internet sono direttamente proporzionali sia al titolo di studio, sia all’esperienza maturata nello stesso settore per cui l’impresa ha avviato le procedure di reclutamento. 

Nel caso in cui si sia frequentata solo la scuola dell’obbligo, oltre ad inviare curricula via Internet sarebbe bene anche rivolgersi ai Centri per l’Impiego sia per trovare un’occupazione, sia per rafforzare le proprie competenze attraverso dei corsi di formazione professionale.

In questo ambito sarebbe bene anche considerare i corsi regionali gratuiti che possono far accrescere le proprie conoscenze, ma che spesso portano anche ad imparare un mestiere grazie a sessioni miste tra teoria e pratica. Ricordiamo per che nell'Italia della disoccupazione giovanile ci sono posti di lavoro che restano vuoti perché nessuno vuole o sa farli.

Confartigianato ha stilato la classifica dei mestieri e delle professioni per le quali c'è tanta domanda e poca offerta. Si tratta di installatori di infissi e serramenti, panettieri, pastai, gelatai, pasticceri, tagliatori di pietre, marmisti, falegnami, cuochi, sarti, tessitori, macellai, muratori. Sono queste le figure maggiormente ricercate oggi, e anche ben retribuite ormai.

Questi dati sono emersi dal Rapporto 2010 Excelsior-Unioncamere secondo il quale a fronte di circa 550.000 nuove assunzioni previste per l'anno le aziende avranno difficoltà a coprire oltre 147.000 posti.

Sempre secondo lo studio Confartigianato, l'aiuto di amici, parenti e conoscenti è stato determinante per l'ingresso nel lavoro del 55,3% dei giovani tra i 15 e i 34 anni nuovi occupati, la richiesta diretta al datore di lavoro ha riguardato il 16,6% dei nuovi assunti mentre il 6,8% è entrato in azienda grazie a inserzioni sulla stampa e alla ricerca sul web.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il