BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Comprare casa a fine 2010 e nel 2011 conviene: prezzi bassi e offerta ampia

Comprare e vendere casa: andamento e previsioni del mercato immobiliare



Acquistare una casa è diventata dall’anno scorso l’impresa della nostra ‘era’: la crisi economica, scatenata dai mutui subprime americani, che d’Oltreoceano si è allargata a colpire anche il Vecchio Continente, e il mondo intero, ha scatenato davvero ‘l’iferno’ nel mercato del mattone.

Fra prezzi continuamente altalenanti e l’indecisione sui mutui da scegliere, c’è chi continua a porsi domande su quanto sia effettivamente conveniente oggi comprare o vendere una casa. Dopo tre anni di contrazione, le compravendite di abitazioni sono tornate ad aumentare: +4,2% su base annua nel primo trimestre del 2010, +4,5% nel secondo, secondo i nuovi dati comunicati dall’Omi, Osservatorio sul mercato immobiliare dell'agenzia del Territorio.

E “Quest'anno si potrebbe arrivare a 620-630mila rogiti, rispetto ai 609mila del 2009”, secondo Guido Lodigiani, direttore dell'ufficio studi di Gabetti. Le previsioni sembrerebbero, dunque, positive.

Il mercato immobiliare sembrerebbe in ripresa e a beneficiare di questo rinnovato clima di fiducia sarebbero anche i prezzi. Secondo Gabetti, dovremmo avere una diminuzione media del 2% nelle grandi città, Scenari Immobiliari arriva al 2,5%, mentre Tecnocasa si colloca in un range compreso tra zero e –2%.

Per fare, tuttavia, buoni affari, bisogna andare oltre i dati comunicati e fare riferimento alle zone migliori dove effettivamente conviene acquistare una nuova casa. I prezzi, chiaramente, sono differenti a seconda che si tratti di una città piuttosto che di un’altra, al Nord o a Sud di Italia, in zone centrali o in periferia.

La crisi ha, infatti, penalizzato gli immobili in periferia e ha premiato quelli nelle zone centrali, i cui prezzi sono saliti, e ha colpito le abitazioni meno pregiate e le grandi metrature, premiando invece le case ristrutturate di recente, servite dai mezzi pubblici e posizionate in quartieri tranquilli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il